SuperAbile







Nuoto Fisdir: nuovo record del mondo per Maria Bresciani nei 100 farfalla

Nella categoria C21, sindrome di Down, la lombarda migliora il precedente primato nei 100 farfalla che già le apparteneva . Dice Bresciani: “Ho vinto tante medaglie in carriera e fatto tante trasferte: mi piace viaggiare, conoscere persone e culture diverse”. Peciarolo, referente tecnico nazionale nuoto Fisdir: “Una grandissima prestazione, che conferma il valore di questa straordinaria campionessa”

13 febbraio 2020

ROMA - Da anni è una delle atlete più rappresentative del movimento sportivo degli intellettivo-relazionali: oggi, la campionessa di nuoto Maria Bresciani ha scritto un nuovo e importante capitolo della sua straordinaria carriera sportiva. Nel fine settimana, in occasione dell’undicesima edizione del Trofeo Città di Saronno, l’atleta cremonese ha stabilito il primato mondiale dei 100 farfalla di categoria C21 in vasca corta: 1’29”71 il tempo fatto segnare dall’azzurra, una misura che migliora ulteriormente il record che già le apparteneva. Per la Bresciani si tratta dell’undicesimo record del mondo da quando gareggia.
 
La stagione agonistica della portacolori della società Delfini Cremona non poteva quindi iniziare in modo migliore. Una stagione che proseguirà il 28 febbraio con il Campionato Italiana in vasca corta di Massarosa, in provincia di Lucca e, soprattutto, con l’evento più importante dell’anno, i Trisome Games 2020, in programma ad Antalya, in Turchia, dal 31 marzo al 7 aprile. A distanza di quattro anni dal grande successo della prima edizione, quella di Firenze del 2016, i Trisome Games si preparano ad accogliere atleti con sindrome di Down provenienti da tutto il mondo, che si affronteranno non solo nel nuoto ma anche nell’atletica leggera, nel calcio a 5, nella ginnastica, nel judo, nel nuoto sincronizzato, nella pallacanestro, nel tennis e nel tennistavolo.
 
“Non so quante vasche faccio in allenamento – dichiara la Bresciani – moltissime ma in piscina non mi stanco. La specialità che prediligo è la rana – racconta – anche se devo dire che sono più forte nel delfino, nello stile libero e nei misti. Ho vinto tante medaglie in carriera e fatto tante trasferte – prosegue – mi piace viaggiare, conoscere persone e culture diverse”.
 
“Una grandissima prestazione quella di Maria al Trofeo Città di Saronno – osserva Marco Peciarolo, Referente Tecnico Nazionale del Nuoto FISDIR – che conferma il valore di questa straordinaria campionessa. Con questa gara si è confermata l’atleta più forte al mondo nello stile della farfalla – aggiunge – il viatico migliore in vista del grande evento mondiale che coinvolgerà tutta la FISDIR: i Trisome Games 2020. Ad Antalya Maria e gli altri atleti che rappresenteranno i colori azzurri dovranno confermare il valore raggiunto in tutto questo tempo – assicura Peciarolo – un valore frutto del lavoro svolto all’interno della società Delfini di Cremona, che le ha permesso di raggiungere questi traguardi incredibili”. (a cura del Cip)
 
 

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati