SuperAbile







Para ice hockey: al Torneo Internazionale Città di Torino l’Italia affronta il Giappone in semifinale. Chi vince va in finale contro la Norvegia

Il coach azzurro Da Rin: “Abbiamo pagato, sino ad ora, la mancanza di qualche giocatore importante, nonostante tutto, ho visto alcuni aspetti positivi”

23 gennaio 2020

ROMA - Una buona Italia non riesce nell’impresa di centrare la finale diretta del nono Torneo Internazionale “Città di Torino” di para ice hockey: la Nazionale Azzurra Italiana dovrà superare, in semifinale, l’ostacolo Giappone per poter sfidare la Norvegia nel match che vale il titolo. Sul ghiaccio del PalaTazzoli del capoluogo piemontese, la nostra Rappresentativa inizia il torneo nel migliore dei modi, piegando la Norvegia per 4-3 ai rigori. Italia avanti due reti a zero nella prima frazione di gioco, grazie alle reti di Gabriele Lanza e Matteo Remotti. Nel secondo tempo, Vaernes accorcia le distanze per gli scandinavi. Nell’ultimo tempo, Stephan Kafmann riporta avanti di due lunghezze i nostri ma prima Vaernes e poi Nordstoga ristabiliscono la parità. Si arriva quindi ai rigori, dove a fare la differenza sono Nils Larch e Christoph Depaoli, che regalano i primi due punti del torneo all’Italia.
 
Più facile il secondo match, che vede l’Italia superare il Giappone con un netto 3-0. Una doppietta di Stephan Kafmann nei primi due tempi e un gol di Bruno Balossetti nella terza frazione di gioco permettono agli uomini di Da Rin di portare a casa la seconda vittoria al “Città di Torino”. Nel terzo incontro arriva la battuta d’arresto contro la Norvegia. Complice un po’ di stanchezza e la voglia di riscatto dei nostri avversari, la partita finisce 2-0 per la Nazionale Scandinava, che va a segno con Audun Bakke nel primo tempo e con Ola Bye Øiseth nel secondo.
 
Una grande Italia domina la quarta sfida del torneo, quella contro il Giappone, per 4-1. Inizio scoppiettante dei nostri, avanti 2-0 dopo appena tre minuti di gioco con Andrea Macrì e il capitano Gianluca Cavaliere. A fine primo tempo, Kumagai accorcia le distanze per i nipponici ma nel terzo parziale Matteo Remotti porta avanti gli azzurri 3-1 e Roberto Radice, nell’ultimo quarto, fissa il risultato sul definitivo 4-1. Purtroppo, nell’ultimo incontro valido per il round robin, la Norvegia piega il Giappone 3-2 al termine dei tempi supplementari, guadagnando, in questo modo, l’accesso diretto in finale.
 
L’Italia dovrà vedersela ora con il Giappone per aprirsi la strada per la finale. Fischio di inizio venerdì 24 gennaio alle ore 10. La finalissima è in programma sabato 25 alle ore 10. “Abbiamo pagato, sino ad ora, la mancanza di qualche giocatore importante – esordisce il coach dell’Italia Massimo Da Rin – nonostante tutto, ho visto alcuni aspetti positivi. A livello fisico abbiamo sofferto un po’ e giocare molte partite ravvicinate non aiuta – spiega – ad ogni modo dovremo migliorare anche sotto questo aspetto. Queste partite – sottolinea ancora – sono molto importanti in vista del grande appuntamento con gli Europei di aprile in Svezia”. (a cura del Cip)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati