SuperAbile







Tiro con l’arco: tutti i risultati dei Campionati Italiani Targa Para-Archery

L’evento si è svolto a Firenze dal 31 agosto al primo settembre. Gabriele Ferrandi, vincitore nella w1 maschile: “Il lavoro, la fatica e l’impegno sono stati ripagati”

5 settembre 2019

ROMA - E’ stato il campo di gara degli Arcieri Città di Firenze Ugo di Toscana a ospitare la 32esima edizione dei Campionati Italiani Targa Para-Archery. Tantissime le prestazioni di altissimo livello fatte registrare nel corso della due giorni di gare, a cominciare dal record del mondo di Matteo Panariello nella visually impaired 1 sulle 72 frecce. Il tiratore della Arcieri Livornesi ha trionfato con 452 punti, davanti a Barbara Contini (Arcieri San Bernardo) con 388 e Giordano Cardellini (Sagitta Arcieri Pesaro) con 332. Nella visually impaired 2/3, il titolo è andato a Giovanni Maria Vaccaro (Dyamond Archery Palermo) che, con il punteggio di 578 punti, ha migliorato il suo precedente primato italiano di 561 e ha superato, in classifica, Daniele Piran (Arco Club Bolzano Vicentino) con 542 e Claudio Peruffo (Arcieri Niche) con 518.

Nell’arco olimpico, il tricolore, in campo maschile, è andato a Tommaso Renna (Arcieri del Sud) con 597 punti, seguito da Stefano Travisani (Fiamme Azzurre) con 589 e da Roberto Airoldi (Arcieri Cameri) con 577. In ambito femminile, oro per Elisabetta Mijno (Fiamme Azzurre) con 604 punti, argento per Veronica Floreno (Dyamond Archery Floreno) con 576 e bronzo per Annalisa Rosada (Arcieri del Leon) con 554.

Nell’arco compound, successo per Alberto Simonelli (Fiamme Azzurre) con 690 punti, davanti a Paolo De Venuto (Frecce Azzurre) e Giampaolo Cancelli (Arcieri Torrevecchia), entrambi con 578 punti. Nel femminile, primo gradino del podio per Maria Andrea Virgilio (Dyamond Archery Palermo) con 691 punti, secondo posto per Eleonora Sarti (Fiamme Azzurre) con 670, terzo per Giulia Pesci (Arcieri Ardivestra) con 663. Nel w1 senior, vittoria per Daniele Cassiani (Arcieri Fivizzano) tra gli uomini (627 punti) e per Asia Pellizzari (Arcieri del Castello) tra le donne (623 punti).

Nel mixed team compound, successo degli Arcieri Ardivestra (Pesci, Rovati) sugli Arcieri del Cangrande (Forneris, Chiapperini) con il punteggio di 142-140. Nell'olimpico maschile titolo di classe per la Dyamond Archery Palermo composta da Lisotta, Genovese, La Rosa con 1610 punti. Secondo e terzo posto, rispettivamente, per gli Arcieri del Sud (Renna, Di Venosa, Canaletti) con 1546 e per la Arcieri Ugo di toscana (Dolfi, Bartoli, Condrò) con 1525. Nel compound maschile, la PHB di Moroni, Venturelli, Bellini ha chiuso con 1841, mentre nel ricurvo mixed team la Dyamond Archery Palermo (Floreno, Lisotta) ha totalizzato 1153 punti.

Nella seconda e ultima giornata di gare, dedicata ai titoli assoluti, vittoria per Stefano Travisani nell’arco olimpico maschile. L’argento è andato a Tommaso Renna, il bronzo a Giuseppe Verzini (Arcieri Cormons). Tra le donne, sesto successo consecutivo per Elisabetta Mijno, davanti a Annalisa Rosada e Veronica Floreno. Nell’arco compound maschile, Alberto Simonelli è tornato alla vittoria grazie al trionfo su Paolo De Venuto. Terzo posto per Claudio Chiapparini (Arcieri del Cangrande). In ambito femminile, tricolore per Maria Andrea Virgilio, prima davanti a Eleonora Sarti e Giulia Pesci. La w1 ha visto l’affermazione di Gabriele Ferrandi (Arcieri Ardivestra), che ha preceduto, sul podio, Daniele Cassiani e Francesco Tomaselli (Arcieri dello Jonio).

“Il lavoro, la fatica e l’impegno sono stati ripagati – dichiara Ferrandi – ora avanti cosi, testa bassa, pedalare e mai arrendersi. E’ stato un bellissimo Campionato Italiano – sottolinea – organizzato magistralmente dagli Arcieri Ugo di Toscana nella bellissima città di Firenze”. Nella categoria visually impaired 1, titolo italiano assoluto per Barbara Contini, che ha superato Matteo Panariello. Bronzo per Giordano Cardellini. Nella visually impaired 2/3, Daniele Piran ha vinto la finale contro Marina Capria (Arcieri Tor di Quinto). Terzo gradino del podio per Giovanni Maria Vaccaro.

Il titolo italiano a squadre è andato, per il secondo anno consecutivo, alla Dyamond Archery Palermo (Genovese, La Rosa, Lisotta) che, in finale, si è imposta sui padroni di casa della Compagnia Arcieri Città di Firenze Ugo di Toscana (Bartoli, Condrò, Dolfi). Bronzo per i pugliesi Arcieri del Sud (Canaletti, Di Venosa, Renna). (a cura del Cip)


Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati