SuperAbile







Basket in carrozzina: Cantù contro S.Stefano per il Tricolore 2018/2019

I brianzoli, in finale per la settima volta, hanno superato in gara 2 delle semifinali playoff Porto Torres, mentre i marchigiani, alla loro prima finale, hanno eliminato Giulianova. Ceriscioli, coach di S.Stefano: “Aver raggiunto la finale scudetto è un obiettivo storico”. Il tecnico di Cantù Bergna: “Siamo andati in Sardegna con la voglia di chiudere la serie”

15 aprile 2019

ROMA - UnipolSai Briantea 84 Cantù contro S.Stefano Avis Porto Potenza Picena: sarà questa la sfida che assegnerà il Tricolore 2018/2019 di pallacanestro in carrozzina. Il verdetto è emerso sabato 13 aprile, al termine di gara 2 delle semifinali scudetto, con Cantù e S.Stefano che hanno risolto la pratica playoff senza dover ricorrere a gara 3. I primi due quintetti a scendere in campo sono stati DECO Group Amicacci Giulianova e S.Stefano Avis. Al Palasport di Alba Adriatica si è giocato il confronto, sulla carta, più incerto. Il quintetto marchigiano si è presentato in Abruzzo forte del successo in gara 1 per 59-56. Un successo ristretto e maturato nei minuti finali, che lasciava aperto il discorso qualificazione. Sul campo, però, i ragazzi di Ceriscioli hanno dimostrato grande solidità e, dopo un primo quarto equilibrato, nel secondo si sono portati avanti di 8 punti, piazzando un parziale di 17-0, un gap che Giulianova non è più riuscita a colmare, nonostante il tentativo di Galliano Marchionni di tenere a galla i suoi negli ultimi dieci minuti. Alla fine il tabellone ha fatto segnare il punteggio di 83 a 74 a favore di S.Stefano. Top scorer del match il francese Sofyane Mehiaoui, autore di 26 punti. In doppia cifra, in casa marchigiana, anche Sabri Bedzeti (19), Andrea Giaretti (14) e Jordi Ruiz Jordan (12). 
 
“Aver raggiunto la finale scudetto è un obiettivo storico – dichiara il coach di Porto Potenza Picena Roberto Ceriscioli – che abbiamo centrato grazie a tanta intensità e coesione. E’ stata una serie bella e molto equilibrata – ammette – complimenti ai nostri avversari. Ora si va in finale”.
 
Più scontato l’esito della semifinale tra Key Estate GSD Porto Torres e UnipolSai Briantea 84 Cantù, dopo i 31 punti di scarto rifilati dai lombardi al quintetto isolano in gara 1. Al Palazzetto dello Sport Alberto Mura di Porto Torres, i campioni d’Italia in carica sfoderano un’altra prestazione maiuscola e si impongono con il punteggio di 77 a 54. Un risultato mai in discussione, una sfida chiusa di fatto all’intervallo lungo, quando Cantù si è portata avanti di 13. Sugli scudi, tra i brianzoli, Geninazzi (18), Berdun (14), Papi (13) e Carossino (10). In casa Porto Torres spicca la grande prestazione del polacco Filipski, 30 punti a referto per lui.
 
“Siamo andati in Sardegna con la voglia di chiudere la serie – commenta il tecnico di Cantù Marco Bergna – dopo i primi minuti giocati un po’ in sordina, è venuto fuori il nostro carattere e lo spessore dei nostri giocatori”.
 
“Ora la pausa per la Pasqua e poi testa alla sfida contro S.Stefano – promette il coach brianzolo – nonostante per loro si tratti della prima finale scudetto, siamo consapevoli che sarà un avversario che non dovremo assolutamente sottovalutare”.
 
Per le finali scudetto si comincia sabato 11 maggio al Pala Meda, in casa di Cantù. Domenica 12, gara 2 si disputerà ancora una volta in Brianza. Per gara 3 ed eventuale gara 4 ci si sposterà nelle Marche. Gara 5, se la serie dovesse essere in parità, si giocherà ancora una volta a Cantù.
 
Sabato 13 aprile si è disputato anche il ritorno dei playout. Dopo l’ampio successo dell’andata a Bergamo, il Santa Lucia Roma si è aggiudicato anche la seconda sfida contro lo Special Bergamo Sport Montello (72-47), grazie, soprattutto, a un Marco Stupenengo autore di 19 punti.
 
Si salva anche la Dinamo Lab Banco di Sardegna. Gli isolani, dopo aver perso il match d’andata contro la Handicap Sport Varese, si sono riscatti andando a vincere davanti al pubblico del PalaSerradimigni per 66-48, costringendo Varese alla sfida salvezza contro Bergamo, con il primo confronto in programma già a partire da sabato 20 aprile al Palacus Insubria di Varese. Si gioca al meglio delle tre gare. (a cura del Cip)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati