SuperAbile







Sci paralimpico 2019: Friuli Venezia Giulia e Slovenia insieme per superare confini

Si svolgeranno a Kranjska Gora (Slovenia) dal 19 al 24 gennaio con le discipline tecniche, per continuare a Sella Nevea (Udine) dal 25 gennaio con gare veloci. L'assessore allo Sport, Tiziana Gibelli "sono i primi nella storia organizzati in collaborazione tra due Stati confinanti, l'Italia e la Slovenia”

18 gennaio 2019

TRIESTE - Superare i confini della disabilità nello sport e nella società, e superare i confini tra gli stati per godere insieme dello spettacolo. E il duplice obiettivo dei Mondiali di Sci paralimpico 2019, presentato ieri mattina nella sede di Trieste della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia. Mondiali organizzati dall'associazione SportXall, che si svolgeranno, appunto, a Kranjska Gora (Slovenia) dal 19 al 24 gennaio prossimi con le discipline tecniche, per continuare a Sella Nevea (Udine) dal 25 gennaio al primo febbraio con gare veloci. "I primi nella storia organizzati in collaborazione tra due Stati confinanti, l'Italia e la Slovenia- sottolinea l'assessore regionale allo Sport, Tiziana Gibelli- come in molti altri casi, lo sport si dimostra capace di superare tutti i confini e di creare una bella festa per tutti".
 
E aggiunge: "Ancora una volta la nostra Regione sarà teatro di un grande evento internazionale che, al di là dell'aspetto agonistico, vedrà la presenza dei migliori atleti al mondo, porta con sé anche molti valori positivi, tra cui mi piace ricordare l'abbattimento delle barriere che è una delle caratteristiche di tutti gli sport paralimpici: questi atleti sono, infatti, capaci di raccogliere tutte le sfide e di vincerle nel migliore dei modi. Un esempio di vita- conclude- che dovrebbe valere per tutti e che fa dello sport uno dei più grandi veicoli di inclusione sociale".
 
Gli atleti arriveranno, oltre che Italia e Slovenia, anche da: Andorra, Australia, Austria, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Canada, Cile, Cina, Croazia, Cechia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Islanda, Giappone, Sud Korea, Messico, Olanda, Nuova Zelanda, Norvegia, Polonia, Romania, Slovacchia, Spagna, Svezia, Svizzera, Stati Uniti d'America. Saranno suddivisi in tre categorie: standing (atleti con deficit agli arti superiori o inferiori), visually impared (atleti con deficit visivi seguendo dei messaggi vocali della guida che li accompagna), sitting (atleti con deficit totali agli arti inferiori che usufruiranno di un monosci cabinato).
 
All'interno del campionato è previsto, inoltre, l'inserimento del "Progetto scuole" della Sport X All, grazie al quale 350 studenti potranno partecipare come spettatori del Mondiale, dopo aver seguito un percorso di scoperta dello sport inclusivo e dei valori del movimento paralimpico in aula con lezioni divulgative e di psicomotricità.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati