SuperAbile







Scherma paralimpica: fino all’11 novembre, in Georgia, la prima tappa di Coppa del Mondo

Primo appuntamento della stagione valido per le qualificazioni ai Giochi di Tokyo 2020. Bebe Vio: “Dopo settimane di preparazione siamo pronti per una nuova grande sfida: non vedo l’ora di salire in pedana”. Il CT della sciabola Ciari: “Il morale del gruppo è alto”

8 novembre 2018

ROMA - Inizia da Tbilisi, in Georgia, il cammino di avvicinamento degli Azzurri ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. Quattro giorni di gare valide per la prima tappa di Coppa del Mondo di scherma paralimpica, la prima che assegna i punti per qualificarsi alle prossime Paralimpiadi Estive. Oltre 130 gli atleti in pedana, 20 le Nazioni rappresentate. La nostra Rappresentativa, reduce dagli ottimi risultati ottenuti ai Campionati Europei di Terni dello scorso settembre, si presenta a questo appuntamento con un gruppo come sempre competitivo, che può contare sul recupero di un campione come Alessio Sarri, costretto per infortunio alla spalla a saltare la rassegna continentale. Sarri, campione del mondo in carica di sciabola maschile di categoria B, sarà una delle stelle della nostra Nazionale. Oltre a lui, in campo maschile, ci saranno Matteo Betti, Marco Cima, Edoardo Giordan, Alberto Pellegrini e Gianmarco Paolucci, quest’ultimo al suo esordio nella gara a squadre di spada. In campo femminile, l’Italia schiera Andreea Mogos, Rossana Pasquino, Loredana Trigilia e Beatrice Vio.
 
Si inizia giovedì 8 novembre con le prove individuali di spada maschile di categorie A e B, e quelle di fioretto femminile di categorie A e B. Venerdì 9 novembre sarà la volta dei fiorettisti di categoria A e B e delle spadiste di categorie A e B. Le ultime gare individuali sono in programma sabato 10, quando saliranno in pedana gli uomini e le donne di sciabola di categoria A e B.
 
Domenica 11 novembre, infine, spazio alle gare a squadre di fioretto femminile e di spada maschile. Riflettori puntati, quindi, sul trio Vio, Mogos e Trigilia e sul team maschile composto da Betti, Lambertini, Giordan e Paolucci.
 
“Dopo settimane di preparazione siamo pronti per una nuova grande sfida – assicura Bebe Vio – dall’8 all’11 novembre saremo infatti a Tbilisi per la Coppa del Mondo. Una gara molto importante, perché la prima di una lunga serie per qualificarsi ai Giochi di Tokyo 2020 – aggiunge l’azzurra - non vedo l’ora di salire in pedana”.
 
“Un appuntamento che abbiamo preparato nel migliore dei modi – osserva il CT della sciabola Marco Ciari – dopo una settimana di collegiale a Tirrenia, i ragazzi sono in grado di affrontare al meglio la prima tappa del cammino verso Tokyo, consapevoli che il pass per le Paralimpiadi si ottiene un tassello alla volta. Il morale del gruppo è alto – ammette Ciari – ma dovremo essere concentrati su ogni stoccata”. (a cura del Cip)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati