SuperAbile







Special team all'Handy Race, obiettivo 2019

La Special Division del Team Sk Racing ha partecipato come wild card alla tappa toscana della Coppa del Mondo riservata ai piloti disabili, disputatasi lo scorso weekend sul circuito del Mugello all'interno della Coppa Italia Fai

29 agosto 2018

ROMA - La Special Division del Team Sk Racing ha partecipato come wild card alla tappa toscana della Coppa del Mondo riservata ai piloti diversamente abili, disputatasi lo scorso weekend sul circuito del Mugello all'interno della Coppa Italia Fai. A scendere in pista sono stati i due riders Maximilian Sontacchi e Davide Preziosi, entrambi impegnati in un anno di allenamenti e prove sul campo in vista della partecipazione 2019 all'intera Coppa del Mondo, "con l'obiettivo di vincerla" come aveva precisato il direttore tecnico del team Manuel Grandi. Non tutto va come dovrebbe andare. Per problemi elettronici alla moto che potevano mettere in pericolo la salute del pilota, Max Sontacchi non ha potuto disputare la gara. Un peccato visti i tempi veloci delle prove ma la responsabilità prima di tutto. Preziosi invece ha potuto continuare il proprio percorso di allenamento e test fino alla domenica, portando a casa un buon sedicesimo posto dopo una partenza dalle ultime file.
 
Non tutto è perduto. Oltre il prossimo appuntamento di Preziosi a Magione, per il team è già tempo di lavorare per la nuova stagione del prossimo anno. "Tutto fa esperienza e noi questa esperienza la mettiamo da parte per fare ancora meglio il prossimo anno - commenta Sontacchi -. Abbiamo grandi progetti e grandi aspettative, siamo in crescita e sappiamo e vogliamo fare bene".
 
Nel frattempo a richiesta si possono ancora organizzare corsi e prove in pista per motociclisti e piloti diversamente abili intenzionati a tornare sulle due ruote.
 
IL SOGNO, LA STORIA, LO SCOPO. Nonostante la disabilità, il sogno di Maximilian Sontacchi di tornare in moto si è avverato grazie a tanta forza d’animo ma anche al sostegno di numerosi amici, partner, sponsor. E dopo anni di esperienze sportive, prima come Maxidrift su quattro ruote e poi come Bura Racing Team grazie alla collaborazione di Bura Promotion, Sk Racing ha scelto il team diversamente abile di Max come Special Division del proprio reparto corse. Oggi il team Sk Racing Special Division è a tutti gli effetti una delle realtà più affermate del motociclismo paralimpico, che vuole riportare i piloti dalla carrozzina alla moto grazie al progetto Ri-Mettiamoci in Moto. Il team compete in gare e campionati italiani ed europei, per disabili e normodotati.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati