SuperAbile







Tennis in carrozzina: la Active Sport Brescia è campione d’Italia a squadre

La squadre trionfa per il quarto anno consecutivo. Fabian Mazzei: “Un titolo che vale di più perché arrivato in maniera sofferta e inaspettata”

4 ottobre 2017

ROMA - Active Sport Brescia sul tetto d’Italia per il quarto anno consecutivo: grazie al successo in finale sullo Jesolo Sport, favorito alla vigilia del torneo, la società lombarda si conferma Campione d’Italia a squadre di tennis in carrozzina.
 
Dal 25 al 28 settembre, i campi del TC Terranova di Olbia hanno ospitato la massima rassegna a carattere nazionale riservata ai club. Dodici i Team che si sono dati appuntamento in Sardegna. La Active Sport è arrivata a questi Campionati con il peso di dover difendere il titolo ottenuto nelle ultime tre edizioni ma nonostante il Tricolore cucito sulle maglie, la società bresciana si è presentata a Olbia senza i favori del pronostico. Sulle concrete possibilità di vittoria, infatti, pesava la lunga assenza dai campi di gara Fabian Mazzei. Il 43enne bolognese, però, ha dimostrato ancora una volta il suo immenso talento e soprattutto che i numerosi titoli vinti in carriera non sono arrivati per caso.
 
Nella prima sfida del torneo la Active Sport A ha superato la Active Sport B con il punteggio di 3-0, quindi si è imposta sul TC Albinea per 2-0. In semifinale la compagine bresciana ha superato la Canottieri Buldesio A (2-1), per poi andare a prendersi il titolo battendo lo Jesolo Sport per 2-1. I veneti, dal canto loro, si sono aperti la strada per la finale grazie ai successi sul GS Alto Adige (3-0) ai quarti e, in semifinale, sul GS Firenze (2-1). La finale ha visto Mazzei imporsi su Zorzetto per 6-2 6-0, quindi Moretto superare Boriva con un netto 6-0 6-0, riportando il match in parità. Nella terza e decisiva sfida la coppia Mazzi/Scalvini si è imposta in due set su Moretto/Zorzetto con il punteggio di 6-3 6-4.
 
“E’ il titolo più bello vinto dalla Active Brescia – afferma Fabian Mazzei – credo di poter dire che vale più degli altri perché arrivato in maniera inaspettata e sofferta. Credevo di essere in condizioni peggiori – confessa il bolognese - sia dal punto di vista fisico che sotto il profilo tecnico e invece non stavo cosi male. Ho dato tutto e ne è valsa la pena – conclude Mazzei – sono contento per me e per i miei compagni di squadra”. Una squadra composta, oltre che da Fabian, da Ivano Boriva, direttore della scuola tennis di Active Sport e dal 34enne bresciano Edgar Scalvini, al suo debutto in un Campionato Italiano dopo le esperienze nel basket e nel golf. (a cura del Cip)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati