SuperAbile







Goalball: quarto posto, per l’Italia, ai Campionati Europei di Divisione C

Sfuma l’accesso nel Gruppo B. L’allenatore nazionale Dario Merelli: “Alla promozione siamo arrivati vicini ma con questi giovani possiamo guardare al futuro con ottimismo”

13 settembre 2017

ROMA - Quarto posto e accesso al Gruppo B sfumato per la Nazionale Italiana di goalball maschile: c’è rammarico per l’esito dei Campionati Europei di divisione C, soprattutto dopo le convincenti prove che hanno permesso agli azzurri di approdare in semifinale. Archiviate le gare di Cionescu, in Moldavia, resta l’amaro in bocca per una conclusione che avrebbe potuto essere migliore ma anche la consapevolezza di aver portato a questi Europei un gruppo giovane, che ha tanta strada da fare ma anche importanti potenzialità.
 
La massima rassegna continentale inizia in salita per i ragazzi allenati dal tecnico nazionale Francesco Gaddari e dall’allenatore Dario Merelli. Contro il Portogallo, gli azzurri subiscono 10 reti senza metterne a segno nemmeno una. Pronto riscatto nel secondo match, quello contro la Francia, che i nostri si aggiudicano con il punteggio di 15-6. Bene anche la terza sfida degli Europei, vinta 19-11 contro i padroni di casa della Moldavia.
 
Quarto incontro e terza vittoria. 7-5 il punteggio che permette all’Italia di imporsi sulla Bulgaria, un risultato che apre agli azzurri le porte delle semifinali, nonostante la successiva sconfitta contro la Grecia per 3-5. Opposti al Montenegro, i nostri devono arrendersi di misura, superati solo da un golden gol (8-9). La sconfitta in semifinale costringe i nostri a giocarsi contro il Portogallo l’ultimo posto disponibile per accedere alla Divisione B. Come nel match d’apertura, anche questa volta il successo va ai lusitani, che si impongono in questa occasione con un meno ampio 4-8.
Purtroppo, per approdare alla Divisione B bisognava entrare tra le prime tre, un biglietto che staccano Grecia, Montenegro e Portogallo.
 
“Una quarta posizione che vuol dire rimanere nel Gruppo C – dichiara con rammarico l’allenatore nazionale Dario Merelli – peccato, perché alla promozione siamo arrivati veramente vicini. Grazie ai ragazzi per aver dato il massimo – prosegue Merelli – a questi Europei abbiamo capito che, con questi giovani, possiamo guardare al futuro con ottimismo”. (a cura del Cip)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati