SuperAbile






In Salute e ricerca


Prevenzione: "Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno" ed infortuni sul lavoro

E' definita Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno (OSAS), dall'inglese Obstructive Sleep Apnea Syndrome ed è un disturbo del sonno che colpisce il 5% della popolazione adulta.

8 novembre 2012

Prevenzione: "Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno" (OSAS) ed infortuni sul lavoro - Una ricerca dell'Azienda Sanitaria Locale di Biella.

E' definita "Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno" (OSAS), dall'inglese "Obstructive Sleep Apnea Syndrome"  ed è un disturbo del sonno che colpisce il 5% della popolazione adulta.

Come spiegano i Dottori Luigi e Walter Ferritto ed il Dottor Giuseppe Fiorentino, in un loro articolo su questa patologia "Il sonno è un fenomeno naturale e biologico a carattere periodico durante il quale si verifica una perdita di coscienza e la riduzione o la sospensione parziale del funzionamento dei centri nervosi, con la conseguente diminuzione delle varie funzioni organiche, come la circolazione, la respirazione ed il metabolismo.". "Rappresenta inoltre un'importante funzione corporea, contribuendo al mantenimento dell'equilibrio psicofisico." (http://www.my-personaltrainer.it/bpco/apnee-ostruttive-sonno.html).

Tra i disturbi del sonno quello più frequente è la "Sindrome delle Apnee Ostruttiva Notturna" che si verifica a causa del restringimento delle vie aeree, durante il sonno, causato anche dalla riduzione di circa venti muscoli faringei. "La sindrome da apnea ostruttiva notturna è la forma più frequente di disturbo respiratorio del sonno, caratterizzata dal collasso delle vie aeree superiori e da ciclici episodi di chiusura parziale dell'ipofaringe, con successivi sforzi inspiratori allo scopo di riaprire il passaggio dell'aria", dando origine al fenomeno del "russamento". (http://www.my-personaltrainer.it/bpco/apnee-ostruttive-sonno.html).   

L'OSAS - più frequente negli adulti obesi, con importanti quantità di grasso accumulate al collo ed al viso, ma riscontrata anche nei bambini -  può causare disturbi anche durante il giorno, come la sonnolenza ed una importante riduzione della performance e può essere la causa di diversi incidenti, soprattutto se le persone che ne soffrono svolgono attività come la guida periodica di automezzi (camionisti e/o conduttori di mezzi di trasporto pubblico). E' dunque importante - come per tutte le patologie -  lavorare sulla prevenzione

La ricerca

Proprio in questo ambito si è mossa la Ricerca portata avanti - nel 2011 - dall'Azienda Sanitaria Locale (ASL) di Biella e finanziata dall'INAIL. La Ricerca è stata coordinata dal Dottor Fabrizio Ferraris, Direttore della Struttura Complessa (S.O.C.) - Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre.SAL) della ASL.

Prevenire gli incidenti causati dalla OSAS attraverso una diagnosi precoce della malattia, questo l'obiettivo della Ricerca. Per raggiungerlo i ricercatori hanno svolto un'opera di sensibilizzazione dei "Medici competenti" addetti - per legge (Decreto Legge 9 Aprile 2008, n. 81) - alla sorveglianza sanitaria dei lavoratori e dei luoghi di lavoro.

In particolare è stato coinvolto il Dottor Lorenzo Roscelli, "Medico competente" dell'ATAP, l'Azienda di trasporto pubblico della città, che ha utilizzato il Protocollo per la diagnosi precoce dell'OSAS, proposto dai ricercatori.

La diagnosi precoce è stata possibile anche grazie all'impegno della Struttura Complessa (S.O.C.) Pneumologia. dell'Ospedale degli Infermi di Biella. Alla Ricerca ha collaborato anche la Struttura Complessa (S.O.C.) Neurologia, dell'Ospedale stesso, grazie all'attività coordinata dal Dottor Gian Carlo Vallese cui hanno partecipato i Tecnici di Neurofisiopatologia  Samanta Grassi e Barbara Beltramo,

I risultati della Ricerca sono stati presentati durante un evento pubblico, organizzato ad hoc presso la "Città degli Studi" di Biella, ed hanno evidenziato che circa il 7% della popolazione lavorativa presa a campione è stato trovato affetto da questa particolare patologia le cui complicanze possono, tra l'altro, causare ipertensione ed  infarto.

La Ricerca della  ASL di Biella assume importanza se si considera che pochi sono gli studi italiani su questa patologia e sulle sue implicazioni nel mondo del lavoro ed ancora che non è semplice (e per questo costosa) una sua diagnosi precoce.

Ma - come ha evidenziato l'"American Academy of Sleep Medicine", in un suo documento sull'argomento - i costi sostenuti per la diagnosi di OSAS ( e per il successivo trattamento terapeutico) appaiono necessari e remunerativi in rapporto ai costi umani, sociali ed economici che questa patologia può causare, a breve ed a lungo termine. (http://www.sonnomed.it/linee/linee01.pdf)

Contatti

ASL di Biella - Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP)

Orario di apertura: dal Lunedì al Venerdì, dalle 09.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 15.30

Tel. 015-3503968; fax 015-3503741.

Fonti:

Le informazioni riportate, salvo diversa indicazione, sono tratte dal Sito web della Regione Piemonte (www.regione.piemonte.it) e dal Sito web della ASL di Biella (www.aslbi.piemonte.it).  

 

8 Novembre 2012

 

di a.vitale

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati