SuperAbile






In Salute e ricerca


Anche la Polizia di Stato supporta lo sport paralimpico

Lo scopo istituzionale è mantenere e promuovere tra i giovani l'attività sportiva a livello agonistico

21 dicembre 2018

Le Fiamme Oro, il gruppo sportivo della Polizia di Stato, sono nate nel 1954, grazie ad un accordo stipulato dal Ministero dell’Interno con il CONI., il Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Lo scopo istituzionale è quello di mantenere e promuovere, anche tra i giovani, l'attività sportiva a livello agonistico, per accrescere il patrimonio sportivo nazionale. In quest'ottica le Fiamme Oro si dedicano alla preparazione di atleti di alto profilo in 41 diverse discipline sportive, che vengono praticate in 9 centri nazionali. Grazie ad una convenzione, del 2012, sottoscritta con il CIP, il Comitato Italiano Paralimpico, il gruppo sportivo della Polizia di Stato si impegna anche nell’ambito dello sport paralimpico, mettendo a disposizione le proprie strutture ed i propri istruttori per l'allenamento nelle varie discipline e per lo svolgimento di competizioni nazionali, consentendo altresì che atleti disabili di livello internazionale possano svolgere attività sportiva tesserandosi, come civili, presso i gruppi sportivi delle Fiamme Oro.

Le Fiamme Oro, il gruppo sportivo della Polizia di Stato, sono nate nel 1954 con la stipula di una specifica convenzione tra il Ministero dell'Interno ed il C.O.N.I.
Lo scopo istituzionale è quello di mantenere e promuovere, anche tra i giovani (attraverso l’attivazione di centri sportivi giovanili), l'attività sportiva a livello agonistico, per accrescere il patrimonio sportivo nazionale. In quest'ottica le Fiamme Oro si dedicano alla preparazione di atleti di alto profilo in 41 diverse discipline sportive che vengono praticate in 9 centri nazionali. Tra i numerosi risultati di prestigio dei suoi atleti risaltano le 92 medaglie olimpiche fino ad ora conquistate.

Come ricorda il sito web della Polizia di Stato: “Le Fiamme oro consentono ai propri atleti di trovare quella tranquillità necessaria per dedicarsi esclusivamente ad allenamenti e gare, soprattutto negli sport "minori", nei quali gli sportivi non sono professionisti.”. “Molto importante è l'attività svolta con i settori giovanili, nei quali tecnici qualificati curano la crescita sportiva dei ragazzi, attenti ad individuare e formare i campioni di domani.”. “In quest'ottica le Fiamme Oro si dedicano alla preparazione di atleti di alto profilo in 41 discipline sportive, praticate nei 9 centri nazionali dislocati sul territorio italiano: 3 a Roma e uno a Milano, Moena, Padova, Nettuno, Napoli e Sabaudia.

Numerosi sono i campioni dello sport tricolore, nazionale e olimpico, tesserati per le Fiamme Oro: da Livio Berruti, indimenticabile trionfatore nei 200 metri piani alle Olimpiadi di Roma del 1960, si passa al pentatleta Daniele Masala, con i suoi due ori e un argento a Los Angeles 1984 e a Seoul 1988. Da Elisa Di Francisca, vincitrice di 2 medaglie d'oro nel fioretto femminile, con Valentina Vezzali, si va a Jessica Rossi, oro con record del mondo nel tiro a volo, e dal pugile  Roberto Cammarelle si arriva a Martina Grimaldi, campionessa nella 10 chilometri di nuoto.
Ma il gruppo sportivo della Polizia di Stato, da qualche anno, supporta anche lo sport paralimpico, grazie ad una convenzione del 2012 stipulata con il CIP, il Comitato Italiano Paralimpico, allargando così la sua attività nel campo della promozione e della pratica dell’attività sportiva ed il numero dei suoi campioni.

Le Fiamme Oro per lo sport paralimpico
Con la convenzione del 2012  – spiega il sito web della Polizia di Stato - “si è realizzato un accordo di collaborazione per lo sviluppo tecnico e agonistico delle attività sportive per i disabili e, in particolare, per gli atleti disabili riconosciuti di livello internazionale.”: La convenzione” – prosegue il sito – “riconosce la possibilità che atleti disabili, di livello internazionale, possano svolgere attività sportiva tesserandosi, come civili, presso i gruppi sportivi della Polizia di Stato Fiamme Oro.”. “Il tesseramento riguarda esclusivamente atleti, su designazione del Cip, sentito il gruppo stesso, appartenenti alle liste definite “Club paralimpico” e di “Interesse paralimpico”, il cui livello tecnico-agonistico faccia presupporre il raggiungimento di prestigiosi risultati in occasione dei giochi paralimpici.”. “Alla base dell'accordo c'è la condivisione del principio secondo il quale lo sport riveste carattere di fenomeno culturale di grande rilevanza sociale, educativa e morale e, pertanto, deve essere considerato un valore fondamentale per l'individuo e la collettività”. “La Polizia di Stato, in virtù di questo accordo, mette a disposizione le proprie strutture ed i propri istruttori per l'allenamento nelle varie discipline e per lo svolgimento di competizioni nazionali.”.

Tra gli atleti paralimpici tesserati con il gruppo sportivo delle Fiamme Oro figurano due stelle della scherma tricolore in carrozzina, Alessio Sarri e Andrea Macrì e il campione dello sci nordico, Enzo Masiello. E ancora Vincenzo Boni, Francesco Bocciardo, Giulia Ghiretti e Carlotta Gilli, campioni e campionesse del nuoto paralimpico ai mondiali di Città del Messico 2017 che, di ritorno dalle loro vittorie, sono stati ricevuti dal Capo della Polizia, Dottor Franco Gabrielli.

Tutti loro e molti altri, nelle loro divise cremisi, onorano lo sport paralimpico italiano e la convenzione tra Polizia di Stato e CIP. Questa collaborazione ha permesso, nel 2017, l’apertura di nuove sezioni dei gruppi sportivi delle Fiamme Oro dedicate agli sport paralimpici. Per l’occasione l’avvocato Luca Pancalli, Presidente del CIP, ha espresso “un sincero ringraziamento al capo della Polizia di Stato Franco Gabrielli per l'attenzione mostrata nei confronti dello sport paralimpico.”. “Sono sicuro” ha dichiarato poi il presidente Pancalli – “che si tratta di un primo passo all'interno di questa collaborazione verso nuovi e rilevanti obiettivi per il nostro movimento".

Fonti:
Le informazioni riportate sono tratte – salvo diversa indicazione – dal Sito  della Polizia di Stato.



Immagine tratta da pixabay.com

di U. F.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati