SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


Covid, variante Delta: in Toscana “non è allarme”

Il presidente della regione, Eugenio Giani, sottolinea il numero limitato di casi di contagio in Toscana: “Dobbiamo approfittarne per sviluppare tutto il ciclo delle vaccinazioni"

1 luglio 2021

FIRENZE - "Devo dire che sono talmente limitati i casi di contagio in Toscana che in questo momento non parlerei di allarme" sulla variante Delta, "ma di presa d'atto. Onestamente oggi il Covid nella nostra regione è sostanzialmente in letargo: dobbiamo approfittarne per sviluppare tutto il ciclo delle vaccinazioni". Lo sottolinea il governatore Eugenio Giani, a margine dell'inaugurazione di Pitti Uomo, spiegando: "In questi giorni abbiamo una media di circa 50 casi, rispetto alle centinaia di cui ci eravamo abituati a parlare", come a marzo quando "siamo arrivati anche a 10.000 casi in una settimana". Ora, quindi, lo sforzo si deve concentrare sulla campagna di vaccinazione. E "su questo sono molto contento, perché ormai da più di una settimana abbiamo più di 30.000 vaccinati al giorno, che ci consentono di chiudere giugno con un numero superiore ai 900.000. Ormai abbiamo abbondantemente superato il milione sulle seconde dosi, e siamo a circa 2 milioni sulle prime vaccinazioni e abbiamo superato i 3 milioni come vaccinazioni complessive. Di questo passo al 30 settembre", tenendo conto "come elemento di riferimento le prime vaccinazioni, potremo parlare di un'immunità di gregge. Di un'opportunità offerta a tutti con un 80% della popolazione che avrà già un ciclo di immunizzazione derivante da vaccinazione".

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati