SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


Sanità, Acli: semplificare per curare meglio i cittadini

Roberto Rossini: “Si introduca nell'ordinamento il principio di automaticità delle prestazioni per soggetti fragili e non autosufficienti, senza duplicazioni di istanze e valutazioni”

3 giugno 2020

ROMA - "Non c’è diritto che tenga se un cittadino fragile deve affrontare barriere burocratiche spesso duplicate dallo stesso Stato. Si introduca nell'ordinamento il principio di automaticità delle prestazioni per soggetti fragili e non autosufficienti, senza duplicazioni di istanze e valutazioni" Con queste parole è iniziato l'intervento del presidente nazionale delle Acli, Roberto Rossini audito con il Consigliere di presidenza nazionale delegato alle Politiche della Famiglia e della Salute Gianluca Budano presso la Commissione parlamentare per la semplificazione. Il tema della semplificazione nell'accesso alle cure di un cittadino fragile deve partire dal concetto di salute da cui muove l'Organizzazione Mondiale della sanità: non salute come assenza di malattia, ma generale stato di benessere sociale, fisico, psichico e materiale di un cittadino e della società in cui questi vive. Partendo da questa premessa, le Acli stamane, convocate dalla Commissione Parlamentare per la Semplificazione hanno offerto il loro contributo all'indagine conoscitiva che la Bicamerale dovrà redarre nei prossimi mesi.
 
"Bisogna parlare di semplificazione con un occhio attento e prioritario ai soggetti fragili e non autosufficienti- ha continuato Rossini- senza limitarsi al tema della telemedicina o della teleassistenza o della diffusione del fascicolo sanitario elettronico, perché la questione a monte, parlando di semplificazione nel complesso sistema di salute e benessere di una popolazione, non sta unicamente nell'innovazione tecnologica, ma nel rendere la semplificazione essa stessa elemento di cura", ha dichiarato il Presidente Nazionale Rossini. Per questi motivi, la Presidenza Nazionale delle Acli in questi anni ha posto il problema della riforma del sistema di welfare d'accesso italiano; un sistema che spende somme notevoli in sanità e politiche sociali e socio-sanitarie, ma che è ancora parcellizzato nell'accesso, con blande forme di integrazione, peraltro presenti a macchia di leopardo sul territorio nazionale.
 
"Le Acli oggi portano due proposte concrete- ha dichiarato Gianluca Budano- uno Sportello Unico per la Famiglia (SUF), quale paradigma nuovo della Pubblica Amministrazione nel semplificare l'accesso ad ogni presa in carico, sia essa sanitaria o sociale e un punto unico di accesso della Pubblica Amministrazione che una volta attivato, in modo automatico eroga prestazioni e servizi all'interno di un piano individualizzato e secondo livelli standardizzati validi su tutto il territorio nazionale. Un malato oncologico o affetto da patologie neurodegenerative o croniche non deve attendere, ad esempio, una nuova valutazione medica per accedere ad una pensione di invalidità o ad altra prestazione che lo Stato deve rendergli in quanto titolare di un diritto. è necessario, insomma, accanto e con lo Sportello Unico per la Famiglia, introdurre nell'ordinamento il principio di automaticità delle prestazioni ai soggetti fragili in stato di accertata patologia e/o cronicità, senza duplicazione dell'accertamento dei requisiti di accesso e cura dello stesso Stato, solo perché cambia l'Amministrazione erogatrice".

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati