SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


Coronavirus, case di riposo in Veneto: "Bomba pronta ad esplodere'

Lo sostengono Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp del Veneto, che chiedono alle istituzioni di avere "la massima attenzione per i circa 250mila over 80 veneti che vivono soli e per gli 80mila over 80 non autosufficienti”

18 marzo 2020

VENEZIA - In questa situazione di emergenza data dal coronavirus, "le case di riposo sono una bomba pronta ad esplodere". Lo sostengono Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp del Veneto, che chiedono alle istituzioni di avere "la massima attenzione per i circa 250mila over 80 veneti che vivono soli e per gli 80mila over 80 non autosufficienti". Ora, dopo i primi casi scoppiati in alcune case di riposo, "siamo a dir poco allarmati per i circa 30mila anziani veneti ricoverati nelle strutture" e quindi "chiediamo alla Regione un monitoraggio e un'attenzione costante per queste realtà, sia per quanto riguarda gli operatori sanitari che vi operano, sia per gli ospiti", continuano i sindacati chiedendo che gli operatori siano dotati di dispositivi di protezione. "Un focolaio in una casa di riposo può tradursi in strage, anche considerando che molti ospiti hanno l'Alzheimer o la demenza senile, dunque non si renderebbero conto di ciò che succede attorno a loro".

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati