SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


Via al corso per le malattie rare in pronto soccorso

Il percorso di aggiornamento è stato avviato da Alisa, l'azienda ligure sanitaria, di concerto con la Regione, per poter gestire al meglio gli eventi critici che riguardano i pazienti colpiti da malattie rare nei pronto soccorso della Liguria

7 novembre 2019

GENOVA - Un programma di formazione rivolto al personale sanitario dell'area emergenza-urgenza per trattare gli eventi critici che riguardano i pazienti colpiti da malattie rare nei pronto soccorso della Liguria. È il percorso di aggiornamento avviato oggi da Alisa, l'azienda ligure sanitaria, di concerto con la Regione, per poter gestire al meglio le criticità, attraverso una sempre maggiore conoscenza e consapevolezza delle patologie. In Liguria, sono circa 8.000 i pazienti affetti da patologie che, per un quarto dei casi, sono anche tempo-dipendenti. Nel dettaglio, 1.405 persone devono affrontare malattie del sangue e degli organi ematopoietici, 258 malattie del metabolismo, 94 malattie del sistema nervoso centrale e periferico, 72 malattie del sistema circolatorio, 31 malattie delle ghiandole endocrine, 17 malattie del sistema immunitario.
 
Grazie al nuovo programma di formazione, saranno rese disponibili nei pronto soccorso liguri, le prime "schede di intervento in regime d'urgenza ed emergenza", predisposte da un gruppo di specialisti di Alisa e dell'Università di Genova. "È una risposta attesa da tanti malati affetti da patologie rare per avere in tutti i pronto soccorso liguri una gestione dei momenti di crisi immediata, tempestiva e specializzata, con il coinvolgimento anche dei familiari- sottolinea Sonia Viale, vicepresidente e assessore alla sanità della Regione Liguria- un lavoro importante svolto dal Dipartimento interaziendale regionale 'Emergenza-urgenza’ che viene restituito agli operatori come momento di formazione. Un grande aiuto ai malati rari e agli operatori".

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati