SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


“Genoma 21”, per la Lombardia la strada per la cura alla sindrome di Down

Al momento sono 200 i bambini con trisomia 21 tra i 3 e i 16 anni ad essere coinvolti nel progetto. Ieri la visita del vicepresidente della regione Fabrizio Sala all'associazione 'Vola con Martin', che lo supporta a livello nazionale

19 giugno 2019

MILANO - Regione Lombardia sostiene il progetto 'Genoma 21' la più ampia ricerca clinico-sperimentale condotta in Italia sulla sindrome di Down, il cui referente clinico è il professor Guido Cocchi dell'Ospedale Sant'Orsola a Bologna. A dimostrarlo è la visita di ieri del vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca e università Fabrizio Sala all'associazione 'Vola con Martin', che supporta a livello nazionale 'Genoma 21'. Accompagnato dal noto conduttore televisivo Gerry Scotti, ambasciatore del progetto 'Lombardia è Ricerca’, Sala ha visitato l'associazione, fondata nel 2018 da Davide e Ombretta Orio, genitori di Martin, affetto da sindrome di Down, a sostegno della ricerca scientifica.

"Ringraziamo con sincera riconoscenza Gerry Scotti e Regione Lombardia per l'attenzione e l'umanità dimostrata verso la nostra piccola ma coraggiosa associazione- affermano Davide e Ombretta Orio- quello che ci ha resi felici è soprattutto la condivisione di un sogno che potrebbe diventare realtà, cioè quello di cambiare il destino delle persone con sindrome di Down e delle loro famiglie grazie alla ricerca scientifica". Al momento sono 200 i bambini con trisomia 21 tra i 3 e i 16 anni ad essere coinvolti nel progetto "Genoma 21", che mira avere ricadute positive su tutte le persone con Sindrome di Down, circa 38.000 solo in Italia.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati