SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


Ambulatorio odontoiatrico “collaborante”, a Reggio Emilia è un successo

Finora oltre 40 pazienti si sono rivolti al Centro medico Spallanzani, per usufruire del servizio offerto alle persone con disabilità o “non collaboranti”

11 giugno 2019

REGGIO EMILIA - Sono più di 40 le persone con disabilità, provenienti da tutte le zone d’Italia, che si sono rivolte al Centro medico “Lazzaro Spallanzani” di via Fratelli Cervi a Reggio Emilia, a poche settimane dall’avvio del servizio di “Ambulatorio odontoiatrico collaborante”. Una nuova opportunità a disposizione di persone con disabilità o “non collaboranti” che si sottopongono a interventi o prestazioni odontoiatriche. Il progetto del Centro medico Lazzaro Spallanzani, offerto in convenzione con la Fondazione Durante e Dopo di Noi di Reggio Emilia, mira ad offrire prestazioni odontoiatriche in favore di persone con disabilità che presentino difficoltà psico-fisiche nel partecipare al proprio piano di cura.
 
Al paziente “non collaborante” viene fornito un servizio che comincia nel momento in cui il soggetto si presenta in clinica il giorno della visita per l’intervento o la visita programmata (“presa in carico”). L’equipe medica della clinica (odontoiatri, anestesista, infermieri e assistenti alla poltrona) è formata e competente nell’instaurare un rapporto “collaborante” col paziente tramite tecniche di controllo comportamentale, assistenza anestesiologica in ambulatorio o in sala operatoria con degenza breve, fino alla possibilità di effettuare un trattamento di anestesia generale in sala operatoria con degenza in Day/One Day Surgery. I servizi odontoiatrici previsti in sede di “Ambulatorio collaborante” coprono l’intera gamma di problematiche e patologie dall’Odontoiatria conservativa ed endodontica (otturazioni, devitalizzazioni), ai servizi di Igiene e prevenzione, dalla chirurgia implantologica a quella maxillo-facciale (estrazioni complesse, trapianti di osso autologo, etc).
 
“L’Ambulatorio collaborante – spiega l’amministratore delegato del CMLS Roberto Gallosti – ha lo scopo di aiutare le famiglie nel complicato sforzo di assicurare ai loro cari le cure di cui hanno bisogno in maniera, il meno possibile, invasiva. Proprio di poche settimane fa è il documento del Ministero della Sanità che prevede linee guida ben precise e rigorose per la presa in carico odontoiatrico del paziente disabile. Linee guida che noi già applichiamo nell’ottica di fornire ai pazienti un servizio a misura e personalizzato”.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati