SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


Parte in Sardegna la campagna farmaceutica "io equivalgo"

Anche la Sardegna è pronta ad abbracciare la campagna nazionale "Io equivalgo", nata tre anni fa per sensibilizzare, coinvolgere e informare i cittadini nella conoscenza dei farmaci equivalenti, quelli cioè che hanno perso il brevetto, ma che hanno la stessa efficacia e sicurezza di quelli “brandizzati”

22 maggio 2019

CAGLIARI - Anche la Sardegna è pronta ad abbracciare la campagna nazionale "Io equivalgo", nata tre anni fa per sensibilizzare, coinvolgere e informare i cittadini nella conoscenza dei farmaci equivalenti, quelli cioè che hanno perso il brevetto, ma che hanno la stessa efficacia e sicurezza di quelli "brandizzati". L'iniziativa, presentata questa mattina a Cagliari dall'assessore alla sanità della Regione Sardegna, Mario Nieddu, dalla direttrice del servizio qualità dei servizi e governo clinico, Donatella Garau, e dalla vicepresidente nazionale di "Cittadinanzattiva", Anna Rita Cosso, prevede eventi e incontri informativi in tutta la Sardegna per tutti i cittadini, con il coinvolgimento delle strutture sanitarie e degli operatori dell'isola.
 
Dall'incontro con i giornalisti è emerso che in Sardegna, a fronte di una spesa complessiva di circa 300 milioni di euro all'anno per la spesa di farmaci convenzionata, si aggiungono 30 milioni pagati direttamente dai cittadini. La normativa nazionale dispone che la differenza tra il prezzo di riferimento, stabilito dall'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), e il costo del farmaco "di marca" sia interamente a carico del cittadino. L'obiettivo della campagna è quindi quello di abbattere questa differenza e portare risparmio ai cittadini, anche perché in Sardegna, anche se al momento non ci sono dati certi, la percentuale d'utilizzo dei medicinali "non di marca" è tra le più basse in Italia (tra il 15 e il 20%).
 
"I sardi hanno speso nel 2018, per corrispondere questa differenza di prezzo, oltre 30 milioni di euro, circa il 10% della spesa convenzionata lorda- sottolinea Nieddu- con un incremento rispetto all'anno precedente di quasi due milioni di euro. Una spesa che grava interamente sui cittadini. Non possiamo che vedere con favore iniziative di questo tipo che promuovono la corretta informazione nell'interesse del cittadino e della salute".
 
In Sardegna, spiega l'assessore, "già c’è una lieve diminuzione della spesa della compartecipazione dei cittadini alla spesa farmaceutica. La campagna 'Io Equivalgo’ si inserisce in questa fase e ci aspettiamo che i risultati siano buoni. L'obbiettivo massimo sarebbe l'abbattimento totale di questa spesa".

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati