SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


Emilia-Romagna, il business degli ospedali privati vale 1,2 miliardi

Il valore della produzione generato dagli ospedali privati in regione l'anno scorso ha toccato i 747 milioni di (+2% rispetto al 2016), mentre il valore aggiunto globale lordo ha superato i 487 milioni di euro (+3,9%)

19 dicembre 2018

BOLOGNA - Un giro d'affari complessivo di 1,2 miliardi di euro, in crescita rispetto agli anni scorsi. A tanto ammonta l'impatto della sanità privata in Emilia-Romagna nel 2017, secondo quanto risulta dal bilancio sociale dell'Aiop presentato a Bologna alla presenza del governatore Stefano Bonaccini. Il valore della produzione generato dagli ospedali privati in regione l'anno scorso ha toccato i 747 milioni di (+2% rispetto al 2016), mentre il valore aggiunto globale lordo ha superato i 487 milioni di euro (+3,9%). In costante crescita anche gli acquisti dai fornitori, passando in un anno dai 254 ai 270 milioni di euro, con la maggior parte delle spese (67,4%) che ricadono su aziende fornitrici con sede in Emilia-Romagna (182 milioni di euro).
 
Dal punto di vista occupazionale, questo indotto si traduce in 756 lavoratori dipendenti delle aziende fornitrici della sanità privata, dalla cucina alla lavanderia, dalla pulizia alla manutenzione, fino alla sorveglianza. Le strutture Aiop, invece, tra personale medico e sanitario occupa oltre 7.600 persone, in crescita del 3,4% nel 2017 rispetto all'anno prima. Considerando tutti questi fattori, dunque, l'ospedalità privata ha generato nel 2017 in Emilia-Romagna un impatto economico pari a 1,2 miliardi di euro.
 
Dal punto di vista dei costi, le strutture sanitarie private hanno speso nel 2017 in utenze 16,1 milioni di euro, in calo del 4% rispetto all'anno prima grazie a un taglio dei costi sull'energia elettrica. In rialzo invece i costi su rifiuti (+6,6%), acqua (+2,7%), gas e metano (+2%). Dal punto di vista più strettamente sanitario, invece, le strutture Aiop in Emilia-Romagna coprono il 25,5% dei posti letto totali, di cui il 94% accreditato. Dal privato proviene anche il 18% dei pazienti dimessi e il 19,7% delle giornate di degenza complessive. Il 36% dei dimessi viene da fuori regione.
 
In particolare, la rete ospedaliera privata in Emilia-Romagna concentra le proprie attività in particolare nei percorsi di recupero e riabilitazione (65,8%), cardiochirurgia (57%), lungodegenza, ortopedia e traumatologia (40,3%). In Emilia-Romagna il 42% della popolazione dichiara di soffrire di una o più malattie croniche, a cui si aggiunge il 4,9% dei residenti che presenta limitazioni funzionali. Anche per questo, nel 2017 la spesa sanitaria pubblica è arrivata a 113,6 miliardi di euro, in crescita dell'1,1% rispetto all'anno precedente. Per il prossimo triennio si prevede un ritmo di crescita della spesa sanitaria pubblica con un tasso medio annuo pari all'1,4%.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati