SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


Istat: aumentano i ricoveri dei sardi fuori dall'isola

Sono in aumento i ricoveri dei cittadini sardi nelle strutture ospedaliere fuori dall'isola, anche se la Sardegna rimane la regione, dopo la Lombardia, con il più basso tasso di residenti che viaggiano per cercare assistenza altrove

16 maggio 2018

CAGLIARI - Sono in aumento i ricoveri dei cittadini sardi nelle strutture ospedaliere fuori dall'isola, anche se la Sardegna rimane la regione, dopo la Lombardia, con il piu' basso tasso di residenti che viaggiano per cercare assistenza altrove. È quanto emerge dal rapporto Istat del 2018, i cui contenuti principali sono stai illustrati a Palazzo Montecitorio dal presidente Giorgio Alleva, alla presenza del presidente della Camera Roberto Fico.
 
Nel dettaglio, si e' passati dal 4,8% di sardi che nel 2001 si sono ricoverati in un'altra regione (percentuale sul totale ricoveri dei residenti), al 5,2% del 2009, per arrivare al 5,7% del 2016. Nella lettura dei dati, c'e' da tener conto che i numeri si riferiscono ad anni precedenti alla riforma sanitaria proposta dall'esecutivo regionale, con l'istituzione dell'Ats e la riorganizzazione della rete ospedaliera. Influisce poi naturalmente in questi dati, la posizione geografica della Sardegna e la difficoltà degli spostamenti. Dal rapporto si conferma anche l'attenzione particolare che in Sardegna si riserva al welfare. Oltre il 54% dei comuni dell'isola, appartengono al modello di "assistenza alta ma specializzata", comuni cioè che hanno un livello alto della spesa sociale pro capite, ma una strategia assistenziale mirata su poche tipologie di intervento. In questi comuni -si legge nel rapporto- risulta particolarmente elevata la spesa dedicata ai disabili, in particolare per l'assistenza domiciliare. Inoltre, si dedicano maggiori risorse che altrove alle strutture residenziali rivolte agli anziani e agli immigrati. Questo modello assistenziale, non molto diffuso sul territorio, si ritrova in parte nel Mezzogiorno interno, in parte nell'altro Sud.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati