SuperAbile






In Protesi e Ausili


Il condizionatore no

L’estate bussa alle porte, ma…

12 aprile 2018

Stiamo per entrare nella stagione calda e c’è da scommettere che, anche quest’anno, saranno in molti a “rifugiarsi” sotto le “alette” dei condizionatori d’aria, per combattere la calura del giorno e l’insonnia notturna.
La normativa attualmente in vigore, non consente purtroppo, di usufruire dell’IVA al 4%, per l’acquisto di climatizzatori/condizionatori d’aria. Con il decreto del Ministero delle Finanze del 14 marzo 1998 sono stati fissati i criteri per l'individuazione dei sussidi tecnici ed informatici che possono beneficiare dell'applicazione dell'aliquota IVA del 4 per cento.

L'art. 2, comma 1, del citato decreto precisa che "si considerano sussidi tecnici ed informatici rivolti a facilitare l'autosufficienza e l'integrazione dei soggetti portatori di handicap le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, appositamente fabbricati o di comune reperibilità, preposti ad assistere la riabilitazione, o a facilitare la comunicazione interpersonale, l'elaborazione scritta o grafica, il controllo dell'ambiente e l'accesso alla informazione e alla cultura in quei soggetti per i quali tali funzioni sono impedite o limitate da menomazioni di natura motoria, visiva, uditiva o del linguaggio".

Appare opportuno, in proposito, evidenziare che "il controllo dell'ambiente", costituente una delle finalità alla quale i sussidi tecnici devono essere rivolti per usufruire della riduzione dell'aliquota IVA, va intesa in riferimento all'installazione di strumenti basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche che consentano al disabile il superamento degli impedimenti derivanti dal proprio handicap od il parziale recupero di migliori capacità motorie, uditive, visive o di linguaggio. All'uso del sussidio deve, in altre parole, far riscontro il conseguimento di una maggiore autosufficienza od integrazione da parte del soggetto portatore di handicap il quale, da tale mezzo, trarrebbe il vantaggio di vedere annullate o ridotte le difficoltà che il proprio stato determina in riferimento al rapporto relazionale e funzionale con l'ambiente.

Costituiscono esempi di tali sussidi i dispositivi a telecomando che consentono l'apertura o la chiusura di porte o finestre, l'accensione o lo spegnimento di luci, rispondere al citofono e al telefono, gestire gli elettrodomestici, la televisione oppure gli strumenti meccanici che consentano di conferire una certa autonomia permettendo, ad esempio, al portatore di handicap di passare da una carrozzella al letto o viceversa.

Di contro, l'installazione di strumenti volti al controllo della temperatura ambientale non sembra corrispondere a nessuna delle essenziali finalità sopra specificate e richieste dall'art. 3 della legge n. 104/92, ancorchè tali mezzi possano potenzialmente costituire strumenti idonei ad assicurare un più elevato benessere psicofisico alla persona con disabilità. Occorre altresì rilevare che il Ministero della Salute ha precisato che l'acquisto di un condizionatore d'aria, "non rientra negli ausili che aiutano il recupero e l'autonomia funzionale di un soggetto disabile".
Non appare fondato, pertanto, sostenere che l'acquisto di un condizionatore d'aria o climatizzatore possa essere rivolto ad una delle descritte finalità di recupero funzionale, necessarie per la legittima fruizione dell'agevolazione in argomento, pertanto al relativo acquisto, effettuato da persone con disabilità, non può essere applicata l'aliquota IVA al 4%.


Immagine tratta da pixabay.com

di Cristina Lattanzi

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati