SuperAbile






In Normativa e Diritti


Contributi figurativi durante l'infortunio o malattia professionale

I Contributi figurativi per malattia professionale ed infortunio sono riconosciuti ai fini previdenziali

4 luglio 2019

 
I Contributi figurativi per malattia professionale ed infortunio  sono riconosciuti ai fini previdenziali e  sono utili per il diritto a tutte le pensioni, escluso il requisito di 35 anni (1820 contributi) per la pensione di anzianità; per la misura di tutte le pensioni; per il raggiungimento delle 78 giornate richieste ai fini della disoccupazione con requisiti ridotti, se retribuiti.





Non sono utili per il diritto alla prosecuzione volontaria e all'indennità di disoccupazione (periodo neutro).
Possono essere accreditati tutti i periodi di temporanea inabilità al lavoro dovuti a:
  • malattia indennizzata;
  • malattia tempestivamente accertata;
  • malattia professionale;
  • malattia non indennizzata per essersi verificata in periodi non lavorati;
  • malattia che non dà luogo ad indennizzo (es.: malattia per lavoro domestico);
  • infortunio sul lavoro.
Non sono, invece, accreditabili i periodi di malattia e infortunio di durata inferiore ai 7 giorni.
Per ottenere l’accredito è necessario almeno 1 contributo settimanale versato prima del periodo di malattia o infortunio.
L'accredito relativo ai periodi di malattia e infortunio può riguardare le retribuzioni ed è quindi ad integrazione di una contribuzione settimanale obbligatoria.  Si possono accreditare contributi figurativi per malattia o infortunio nei limiti indicati nella tabella pubblicata sul sito internet Inps.it.
 
Per gli assicurati Inail, la richiesta deve essere presentata dall'interessato o dai suoi superstiti alla sede INPS di appartenenza con i seguenti allegati:
  • certificazione di infortunio rilasciata dall'Inail;
  • cartella clinica o dichiarazione dell'ospedale pubblico attestante il periodo di ricovero;
Se l’interessato nei periodi di malattia non è stato assistito da un ente previdenziale o non è stato ricoverato o degente in pubbliche istituzioni ospedaliere, il riconoscimento della malattia e la durata del periodo accreditabile sono subordinati alla produzione da parte del richiedente di due atti formali di denuncia, entrambi condizionati da un termine:
  • la data di inizio della malattia deve essere denunciata entro 60 giorni dalla data stessa, corredando la denuncia con un certificato medico di parte. Se la denuncia di inizio infermità è fatta dopo il 60° giorno, ma sempre in costanza della malattia, il riconoscimento del periodo di accredito dei contributi figurativi avviene a decorrere dal 60° giorno antecedente quello della denuncia;
  • la data di cessazione della malattia deve essere denunciata entro 15 giorni dalla data stessa, esibendo contemporaneamente altra certificazione medica. Se la denuncia di cessazione viene fatta dopo lo scadere del predetto termine di 15 giorni, debbono essere riconosciuti solo i periodi di infermità comprovati dalla certificazione prodotta con la denuncia di inizio della malattia o eventualmente nel corso della stessa. Pertanto, se dopo la tempestiva denuncia di inizio dello stato di infermità il richiedente non presenta altra documentazione, il riconoscimento deve essere accordato limitatamente al periodo di malattia compreso nei 60 giorni anteriori alla data della denuncia.
Fonte INPS.it
 
Per ulteriori informazioni
  • numero verde superabile 800.810.810.
  • dall'estero e da mobile al numero 06 455 39 607 (il costo della chiamata è legato al  piano tariffario del gestore utilizzato)
  • scrivi all'esperto: superabile@inail.it
si informa che il Contact Center integrato SuperAbile Inail  è  anche multilingue


© Copyright SuperAbile Articolo liberamente riproducibile citando fonte e autore
immagine tratta da pixabey.com

di Rosanna Giovedi

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati