SuperAbile






In Normativa e Diritti


Interpello su documentazione presentata dopo acquisto auto con IVA agevolata 2021

Risposta dell'Agenzia delle Entrate ad un contribuente in attesa della documentazione per usufruire delle agevolazioni per l'acquisto di un veicolo.

22 febbraio 2021

Con l'Interpello n. 69 del 1 febbraio 2021, l'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un quesito posto da un contribuente che aveva acquistato un'autovettura senza chiedere l'applicazione delle agevolazioni spettanti alle persone con disabilità in situazione di gravità, perché in attesa di ricevere la documentazione idonea dalla competente Commissione medica.
Ottenuta la suddetta documentazione, ha richiesto al rivenditore l'emissione di una nota di credito per l'IVA e il rimborso delle imposte pagate per la trascrizione sui passaggi di proprietà e l'imposta di bollo.
La risposta dell'Agenzia ripercorre la normativa sulle agevolazioni auto al riguardo delle diverse patologie di disabilità ammesse al beneficio, ricordando che ai fini dell'applicazione dell'IVA con aliquota ridotta, con la Circolare del Ministero delle Finanze 31 luglio 1998 n. 197/E è stato specificato che le certificazioni devono essere esibite al venditore all'atto dell'acquisto del veicolo.
 
Nel caso preso in esame, si legge nella risposta dell'Agenzia, il contribuente può presentare la documentazione in un momento successivo all'acquisto, con i requisiti richiesti dalla legge per poter fruire dell'aliquota IVA ridotta, che permetterà al venditore di emettere una nota di variazione in diminuzione ai sensi dell'articolo 26, comma 2, del DPR n. 633 del 1972, entro un anno dall'effettuazione dell'operazione imponibile, come previsto dal comma 3 dello stesso articolo 26.
L'emissione della nota di credito però, è preclusa alla società venditrice poiché è trascorso oltre un anno rispetto al momento dell'effettuazione dell'operazione di cessione veicolo e per questo, la stessa società, ha la possibilità di richiedere il rimborso ai sensi dell'articolo 30-ter dello stesso DPR, entro il termine di due anni dal versamento o dal verificarsi del presupposto per la restituzione.
L'Agenzia delle Entrate inoltre, afferma che il rimborso delle imposte pagate per la trascrizione sui passaggi di proprietà e l'imposta di bollo, non rientra nella competenza della stessa.
 
Per consultare il documento, cliccare su:
Interpello del 1 febbraio 2021 n. 69
 
Fonte: Agenzia delle Entrate
 
Immagine tratta da Pixabay.com/

di Antonello Giovarruscio

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati