SuperAbile






In Normativa e Diritti


Invalidità civile - Benefici economici per minorenni

Benefici economici spettanti gli invalidi civili, ciechi civili e sordi civili minori di 18 anni

15 giugno 2020

Invalidi civili
Agli invalidi civili minori di 18 anni non viene riconosciuta una percentuale d'invalidità e per tanto non è concessa la pensione o l'assegno mensile di invalidità (questo assegno è concesso nel caso di invalidi civili parziali). Tale considerazione trova fondamento nel fatto che sia la pensione o come l'assegno mensile, sono concessi come corrispettivo di un mancato guadagno causato dalla minorazione, quindi la sua erogazione trova giustificazione solo per le persone maggiorenni e non per i minori. Soltanto dopo i 18 anni verrà attribuita una percentuale secondo la gravità della patologia.

Per i minorenni la legge subordina il riconoscimento dell'invalidità civile a condizione che abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età ( art. 2, 2° comma, Legge 118/71).

La espressione "abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età" indica un parametro valutativo diverso da quello previsto per coloro che hanno un'età compresa tra i 18 e 65 anni. Non si fa riferimento alla riduzione della capacità lavorativa, bensì ad una situazione di persistente difficoltà a compiere qualunque funzione propria dell'età. Dopo il 18° anno di età verrà attribuita una percentuale d'invalidità.

Ciechi civili e sordi civili
Per queste categorie non sono previste percentuali di invalidità, neanche dopo la maggior età, essendo il presupposto sanitario l'unico requisito necessario per lo status di ciechi civili e sordi civili . Pertanto, in questi due casi i benefici economici spettanti sono collegati al grado di diminuzione visiva, nel caso di non vedenti e, nel caso di sordi civili, ad una perdita uditiva non inferiore a 75 db e, inoltre, la sordità deve essere insorta durante l'età evolutiva (da 0 a12 anni). 

Comunque, per i sordi civili, qualora il richiedente non abbia ancora compiuto il dodicesimo anno di età, e ai soli fini della concessione dell'indennità di comunicazione il requisito della soglia di perdita udita viene diminuito a 60 db. Ad ogni modo, se al compimento dei 12 anni di età la perdita uditiva è rimasta inferiore a 75 db si perde il diritto allo status di sordo civile e verrà effettuata una valutazione come invalido civile.

I benefici economici spettanti i minori di 18 anni sono:
INVALIDI CIVILI
Le due indennità sono incompatibili fra loro, pertanto la concessione di una esclude il diritto a percepire l'altra.

SORDI CIVILI
CIECHI CIVILI 
Ciechi assoluti
Ciechi parziali

La domanda     
Per poter accedere alle prestazioni economiche è necessario che ci sia un accertamento e riconoscimento dell’invalidità civile. L’accertamento è effettuato dalle commissioni mediche dell’Asl con successivo controllo e vidimazione da parte della commissione medica dell’Inps.

A decorrere dal 1° gennaio 2010, le domande di accertamento dell’invalidità civile, volte ad ottenere i benefici in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità, corredate di certificazione medica attestante la natura delle infermità invalidanti, debbono essere inoltrate all'INPS esclusivamente per via telematica. 


                               Tabella delle provvidenze economiche per invalidi civili, ciechi civili e sordi civili

    Da 0 a 18 anni  Da 18 a 67 anni  Dopo i 67 anni       
Invalidi civili   - Indennità accompagnamento 
- Indennità frequenza
- Pensione di invalidità o
 Assegno mensile 
- Indennità accompagnamento
- Assegno sociale
- Indennità accompagnamento

Sordi civili
- Indennità comunicazione - Pensione non reversibile
- Indennità comunicazione 
- Assegno sociale
- Indennità comunicazione
Ciechi assoluti - Indennità accompagnamento - Pensione ciechi assoluti
- Indennità accompagnamento
- Pensione ciechi assoluti
- Indennità accompagnamento
Ciechi parziali - Pensione ciechi parziali 
- Indennità speciale
- Pensione ciechi parziali
- Indennità speciale
- Pensione ciechi parziali
- Indennità speciale

 
Riferimento normativo:
Legge 30 marzo 1971, n. 118: "Conversione in legge del D.L. 30 gennaio 1971, n. 5 e nuove norme in favore dei mutilati ed invalidi civili" (G.U. 2 aprile 1971, n. 82)



  © Copyright SuperAbile Articolo liberamente riproducibile citando la fonte. 
Immagine tratta da pixabay.com
 

di Gabriela Maucci

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati