SuperAbile






In Normativa e Diritti

Notizie


Ladispoli, corteo e sit-in contro i tagli all'assistenza domiciliare ai disabili

Famiglie, associazioni, cooperative, sindacati e tante altre realtà sfilano oggi insieme dalle10 alle 13, dalla stazione alla sede del Comune contro il previsto taglio. Poi l’incontro con il primo cittadino

27 giugno 2019

ROMA – “Il Comune di Ladispoli (Roma) recentemente ha preannunciato un taglio dei fondi destinati al sociale, stimato fino ad alcuni giorni fa attorno a 250 mila euro. Una drastica riduzione sul servizio di assistenza domiciliare alle persone disabili, avvenuto con una recente comunicazione in cui l’Amministrazione comunale ha reso noto che dal mese di luglio saranno garantite ai disabili in assistenza solo 4 ore settimanali”. A denunciarlo è il Forum Terzo settore del Lazio, secondo cui “una persona con disabilità deve essere trattata con attenzione e ‘non esiste ingiustizia più grande - citando Don Milani -, che fare parti uguali tra diseguali". Per questi motivi oggi famiglie, associazioni, cooperative, sindacati e tante altre realtà sfileranno insieme dalle 10 alle 13, dalla stazione alla sede del Comune contro il previsto taglio, “per ripristinare i diritti delle persone con disabilità e garantire agli anziani una migliore qualità della vita”. Il sindaco riceverà le realtà dopo il sit-in.
 
Per il Forum si tratta di un “taglio lineare che lascia alcune famiglie completamente scoperte da questo servizio. La riduzione drastica di servizi mirati alla terza età e alla disabilità non solo aumenta la sofferenza di individui, famiglie e esperti e operatori del settore, ma anche la spesa, perché subito dopo i servizi di assistenza domiciliare ci si dovrebbe rivolgere agli istituti di ricovero o alle case-famiglia, con rette che variano da individuo a individuo”.
 
“Tutto questo  - continua il Forum - in nome di una presunta ‘giustizia’, che dovrebbe garantire l’ingresso di nuovi utenti da tempo in lista d’attesa. Ma non possiamo comprendere che per garantire un diritto peraltro acquisito, lo si neghi ad un altro soggetto. E’ come dire ad un paziente ricoverato in ospedale di andare a casa perché il letto serve per un altro malato”.
 
Il Terzo Settore, tutto, ha fatto e fa quindi appello ad una alleanza solidale della cittadinanza per - almeno - ridimensionare i tagli previsti all’assistenza domiciliare e promuove con le famiglie, le associazioni e gli operatori il sit-in e il corteo di domani. 
 
"Come Forum Terzo Settore del Lazio e tutti i sostenitori apprezziamo, intanto, come positiva novità, che il Sindaco di Ladispoli ci abbia comunicato la disponibilità a ricevere le nostre realtà dopo la manifestazione - ha affermato la portavoce Francesca Danese -. Speriamo che dall'incontro con il primo cittadino emerga una soluzione, evitando azioni particolarmente traumatiche nell'erogazione di servizi pubblici essenziali per la cittadinanza più fragile".

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati