SuperAbile






In Normativa e Diritti

Notizie


Non autosufficienza, convocato per il 25 giugno il tavolo per il Piano nazionale

Il tavolo dovrà occuparsi della stesura delle linee guida del Piano nazionale. Lo annuncia il ministro Fontana rispondendo a Uneba, Aris, Anaste, Agespi, associazioni che di recente hanno chiesto più risorse e più attenzione per i progetti di domiciliarità, autonomia e indipendenza per persone con disabilità anche grave

31 maggio 2019

ROMA – Avevano chiesto, con una lettera, più risorse per l’assistenza domiciliare, per progetti di autonomia e vita il più possibile indipendente per persone con disabilità anche grave. Ora le associazioni Uneba, Aris, Anaste, Agespi vedono la risposta del ministro per la disabilità Fontana. Qui di seguito le sue parole: “Gentilissimi Uneba Agespi Anaste Aris, Vi ringrazio per la Vostra lettera che pone questioni alla nostra massima attenzione tanto che, a pochi mesi dall’insediamento di questo Governo, mi sono subito attivato per incrementare il Fondo Nazionale per la non autosufficienza che in legge di Bilancio abbiamo potenziato da 450 a 550 milioni di euro, strutturali. Sono consapevole - scrive il ministro - che si tratti di un primo passo a cui dovrà seguire sia un ulteriore incremento di risorse sia, come da voi richiesto, la stesura del primo Piano nazionale per la non autosufficienza. A tal fine, sentite le principali Federazioni della Disabilità, ho personalmente sollecitato il Ministro Di Maio, che ha la competenza diretta, a convocare il tavolo della Rete della protezione e dell’inclusione sociale, organismo deputato alla stesura delle linee guida per la redazione del Piano nazionale per la non autosufficienza. Lo stesso Di Maio ha dato riscontro alla mia lettera, convocando il tavolo il prossimo 25 giugno”.
 
Conclude il ministro: “Sono fiducioso che questo possa rappresentare l’avvio di un percorso proficuo e virtuoso, capace di dare risposte puntuali a molte persone con disabilità gravi e gravissime e alle loro famiglie, richiamando anche molte Regioni ad assumersi le proprie responsabilità”.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati