SuperAbile






In Normativa e Diritti

Notizie


Autismo, da oggi non solo Aba tra le terapie rimborsate nel Lazio

Le famiglie che vorranno accedere ai contributi che la regione ha stanziato potranno richiedere il rimborso delle loro terapie anche a carattere evolutivo relazionale. La decisione del Tar. L'avvocato: "Un passo in avanti"

30 aprile 2019

ROMA - Da oggi le famiglie che vorranno accedere ai contributi che la Regione Lazio ha stanziato per il trattamento dei minori con disturbi dello spettro autistico, potranno recarsi nei Comuni di residenza e richiedere il rimborso delle loro terapie anche a carattere evolutivo relazionale. A stabilirlo è il Tribunale amministrativo regionale (Tar) del Lazio che, con ordinanza pubblicata il 17 aprile scorso, ha sospeso il regolamento numero 1 del 2019. "Un passo in avanti", spiega alla Dire l'avvocato Barbara Frateiacci, che ha presentato il ricorso per conto di diversi genitori e di alcune associazioni di famiglie con figli con disturbi dello spettro autistico: "Il Tar del Lazio mettendosi nei panni delle famiglie dei bambini con autismo, considerati i risultati positivi conseguiti fino ad oggi, ha consentito di non interrompere le modalità di approccio terapeutico fino ad oggi seguite, per permettere anche a loro di fruire dei sostegni economici erogati. Considerato che la Regione Lazio ha un termine di 30 giorni per adempiere a quanto disposto dal Tar- fa presente l'avvocato- tramite l'ordinanza che ha sospeso l'efficacia del regolamento, ci auguriamo che provveda spontaneamente ad emendarlo e quindi ad uniformarsi al principio sancito dal Tar della libertà di scelta delle famiglie del trattamento terapeutico più idoneo da far seguire ai loro figli".
 
In sostanza, "con il regolamento 1/2019, la Regione eroga dei sostegni economici alle famiglie con minori con disturbi dello spettro autistico in età prescolare (2-6 anni). Le ragioni spese nell'interesse delle famiglie erano sostenute dalla circostanza che la Regione Lazio, nell'individuare i terapisti che erogano i trattamenti rimborsati dalla stessa- spiega Frateiacci- prevedeva solo delle competenze specifiche di alcuni trattamenti, dimenticando la maggior parte delle altre terapie di riconosciuta evidenza ed efficacia scientifica a cui aderivano la maggior parte dei ricorrenti. ciò avrebbe comportato, qualora il regolamento non fosse stato impugnato- rimarca l'avvocato- che questi bambini avrebbero dovuto scegliere diverse opzioni terapeutiche rispetto a quelle seguite, nell'ipotesi in cui avessero voluto beneficiare dei rimborsi economici riconosciuti dalla Regione Lazio".
 
Il Tar Lazio ha accolto le ragioni delle parti ricorrenti e ha sospeso l'efficacia del regolamento nella parte in cui non prevede tra le competenze dei terapisti tutti i trattamenti con evidenza scientifica oltre a quelli previsti (Aba, Eibi, Denver e Teach). Quindi il Tar Lazio ha dato alla Regione 30 giorni di tempo per emendare quel regolamento impugnato e includere gli approcci con evidenza scientifica, tra i quali quelli evolutivo relazionali.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati