SuperAbile






In Normativa e Diritti

Notizie


Elezioni a Reggio Emilia, in lista con M5s anche un cittadino disabile

Ci sarà anche una persona disabile nella lista per le prossime elezioni amministrative di Reggio Emilia del Movimento 5 stelle, che candida a sindaco Rossella Ognibene. Si chiama Lorenzo Fanticini, che già nel 2009 era in lizza per un seggio con la lista civica del candidato Roberto Piscopo

18 febbraio 2019

REGGIO EMILIA - Ci sarà anche una persona disabile nella lista per le prossime elezioni amministrative di Reggio Emilia del Movimento 5 stelle, che candida a sindaco Rossella Ognibene. Si chiama Lorenzo Fanticini, che già nel 2009 era in lizza per un seggio in sala del Tricolore con la lista civica del candidato Roberto Piscopo. "La lotta alle barriere architettoniche- ricorda Ognibene era una delle 'stelle’ fondanti delle liste civiche 5 stelle". In "questi 10 anni- aggiunge- a Reggio sono stati fatti passi avanti. Ma non basta". I negozi "non sono ancora tutti accessibili. Il bando del Comune pur positivo, non è sufficiente. Enrico ci ricorda che le nuove norme sulle ristrutturazioni e contro le discriminazioni nei confronti dei disabili prevedono l'obbligo dell'abbattimento delle barriere architettoniche e spetta al Comune dare le autorizzazioni ed essere l'ultimo vigilante in materia".
 
Invece, sottolinea la pentastellata, ci sono ancora casi "eclatanti" come "il progetto di Piazza del Cristo che discrimina i disabili", ma la stessa sala del Tricolore, dove "non sono state del tutto abbattute le barriere architettoniche". Se "fosse eletto consigliere comunale- dice Ognibene- Enrico non avrebbe un posto ad hoc. I disabili non sono cittadini di 'serie b'. Per due legislature Enrico si è presentato alla prima seduta di Sala del Tricolore, ma i piani destinati al pubblico non erano accessibili". Dunque, "vanno garantite sempre più risorse e partnership anche con i privati per dotare sempre più abitazioni ed edifici di scendiscale e ascensori esterni per anziani e disabili. è una battaglia che dobbiamo fare tutti insieme, ascoltando la voce ed i consigli di queste persone". Enrico, "con tanti altri sarà il nostro cuore e la nostra mente in questa battaglia di civiltà”.
 
Il ricordo più bello? "Vedere con che entusiasmo i ragazzi partecipavano agli incontri informativi o alle recite teatrali - peraltro molto esplicite - senza problemi di essere 'mistì: maschi e femmine, cristiani e musulmani" risponde Zoccheddu.
 
Paolino invece ricorda un concorso: "Il premio era un libro di testo, e i ragazzi facevano di tutto per aggiudicarselo. Da noi, forse, ce lo tirerebbero addosso. La voglia di studiare è così forte che anche i bambini sono disposti a camminare chilometri ogni giorno per raggiungere la scuola. Una volta scoperta questa realtà "tutto cambia. Vedi il mondo con occhi nuovi".

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati