SuperAbile






In Normativa e Diritti

Notizie


Friuli, la regione pronta a riformare la legge sulle persone disabili

L'obiettivo è quello di realizzare concretamente un cambiamento normativo, ma soprattutto culturale, che porterà il prossimo anno ad avviare un percorso condiviso finalizzato alla revisione della legge regionale 41 del 1996 che regola l'integrazione dei servizi e degli interventi sociali e sanitari

13 novembre 2018

TRIESTE - "L'obiettivo e' quello di realizzare concretamente un cambiamento normativo, ma soprattutto culturale, che porterà il prossimo anno ad avviare un percorso condiviso finalizzato alla revisione della legge regionale 41 del 1996 che regola l'integrazione dei servizi e degli interventi sociali e sanitari a favore delle persone disabili in attuazione alla legge quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti di chi deve affrontare questo tipo di problematica". Questo il concetto espresso di recente a Trieste dal vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, nel corso del convegno organizzato dalla Consulta regionale delle associazioni di persone disabili e delle loro famiglie e dedicato alla legge del "Dopo di noi". Legge, quella nazionale, definita dallo stesso Riccardi una svolta di basilare importanza.
 
L'assessore ha poi ricordato che il Friuli Venezia Giulia per rispondere ai bisogni delle persone con disabilità, oltre che su un numero di risorse umane cresciuto negli anni anche grazie alle famiglie e al Terzo settore, può contare sui 15 milioni di euro del Fondo per l'autonomia possibile. Per quel che riguarda la parte relativa ai servizi residenziali, Riccardi ha osservato come l'investimento costante della Regione (circa 43 milioni di euro) abbia favorito la crescita dell'offerta, senza però che essa sia stata accompagnata da un impianto programmatorio adeguato. Da qui l'esigenza di mettere in atto una revisione organica.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati