SuperAbile






In Normativa e Diritti


Fondo caregiver, “primo passo per uscire da invisibilità. Ma senza legge, è una beffa”

Il commento di Maria Simona Bellini, presidente del Comitato nazionale famiglie disabili. “Ora, affinché le risorse siano opportunamente finalizzate, è necessario che arrivi un provvedimento legislativo a indirizzarle”

28 novembre 2017

ROMA - “Sicuramente un primo passo che ci fa uscire dall'invisibilità”: così Maria Simona Brellini, presidente del Comitto nazionale famiglie disabili, commenta la notizia dell'approvazione delle'emndamento alla manovra finanziaria che prevede lo stanziamentodi un fondo di 20 mila euro l'anno per tre anni, destinato ai caregiver familiari. “Finalmente lo stanziamento di risorse specifiche, che daranno un'accelerazione all'iter legislativo sul disegno di legge in discussione in commissione lavoro al Senato – precisa, riferendosi al disegno di legge ancora in attesa di approvazione Se però il provvedimento non dovesse vedere la luce entro fine legislatura, saremmo di fronte all'ennesima beffa dopo oltre 20 anni di attesa! - denuncia - L'unanimita' di tutti i gruppi politici dimostra che è possibile emanare una buona legge che ben individui i caregiver familiari e che, soprattutto preveda sostegni concreti, dal prepensionamento alla possibilità di accesso al diritto alla salute, al riposo e alla vita sociale. Se c'è veramente volontà politica – aggiunge - si può fare. Ora, però, affinché le risorse siano precisamente e opportunamente finalizzate, è necessario che arrivi un provvedimento legislativo a indirizzarle”.

L'appello del comitato è quindi che “si legiferi prima di fine legislatura. La firma di tutti i gruppi politici, che avviene rarissimamente in Parlamento, dimostra che la Commissione Lavoro al Senato può emanare la legge in sede legiferante, senza passare l'aula, come peraltro auspicato dallo stesso Presidente Sacconi, e quindi i tempi tecnici ci sono”.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati