SuperAbile







Il reddito di emergenza - covid 19

L’articolo 82 del Decreto Legge 34 del 19 maggio 2020, istituisce il reddito di emergenza (REM), una misura riconosciuta a nuclei familiari in condizioni di necessità economica, in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da COVID-19.

30 giugno 2020

L’articolo 82 del Decreto Legge 34 del 19 maggio 2020, istituisce il  reddito di emergenza (REM), una misura riconosciuta a nuclei familiari in condizioni di necessità economica, in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da COVID-19.
Si tratta di un sostegno al reddito straordinario riconosciuto ai nuclei familiari in possesso, al momento della domanda, di alcuni requisiti, quali la  residenza in Italia, con riferimento al componente richiedente il beneficio; un  reddito familiare, nel mese di aprile 2020, inferiore alla quota prevista per il sostegno; un valore del patrimonio mobiliare familiare, con riferimento all'anno 2019, inferiore a una soglia di euro 10.000, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000, incrementabile di 5.000 euro, in caso di presenza nel nucleo familiare, di una persone in condizione di disabilita' grave o di non autosufficienza; un valore dell'ISEE inferiore a 15.000 euro.
Il Rem si configura come misura residuale rispetto alle altre misure COVID e viene erogato, in presenza di tutti i requisiti di legge, esclusivamente se nessuno dei membri del nucleo richiedente abbia già usufruito delle altre indennità emergenziali.
Il Rem non è compatibile con la presenza nel nucleo familiare di componenti che, al momento della domanda siano
  • titolari di pensione diretta o indiretta ad eccezione dell'assegno ordinario di invalidita';
  • titolari di un rapporto di lavoro dipendente la cui retribuzione lorda sia superiore all’importo del REM spettante;
  • percettori di reddito di cittadinanza, o misure aventi finalità analoghe.
La circolare inps 69 del 3 giugno 2020 riporta alcuni esempi di calcolo della soglia di valore massimo del reddito familiare ai fini del diritto al Rem. La scala di equivalenza assegna valore 1 al richiedente, questo valore è incrementato di 0,4 per ogni componente del nucleo maggiorenne e di 0,2 per ogni componente minorenne fino ad un massimo di valore 2 (2,1 se nel nucleo è presente una componente con grave disabilità o in condizione di non autosufficienza).
A titolo di esempio, per il solo adulto richiedente, l’importo del REM spettante è 400 euro (scala di equivalenza 1); per due adulti l’importo spettante è 560 euro (scala di equivalenza 1.4); per due adulti e un minore l’importo è 640 euro (scala di equivalenza 1.6) e così via.
La domanda è presentata da uno dei componenti del nucleo familiare, individuato come il richiedente il beneficio, in nome e per conto di tutto il nucleo familiare. Può essere richiesto all’Inps, entro il termine perentorio del 30 giugno 2020, presentando domanda, esclusivamente on line attraverso il sito internet www.inps.it, autenticandosi con PIN, SPID, carta nazionale dei servizi e carta di identità elettronica, oppure tramite gli istituti di patronato.
Il REM è erogato per due mensilità a decorrere dal mese di presentazione della domanda. Quindi, se la domanda è stata presentata entro il 31 maggio 2020, saranno erogate le mensilità di maggio e giugno, mentre se è presentata nel corso del mese di giugno 2020, saranno erogate le mensilità di giugno e luglio 2020.
Al fine di rendere noto tempestivamente l’esito del procedimento, l’Istituto comunica l’accoglimento o la reiezione della domanda mediante SMS e/o e-mail, utilizzando i dati di recapito indicati in domanda. In caso di respinta, l’Istituto rende tempestivamente disponibili le motivazioni del mancato accoglimento dell’istanza.
Il beneficio è erogato mediante bonifico bancario/postale, accredito su Libretto postale o bonifico domiciliato (pagamento in contanti presso gli sportelli di Posta Italiane S.p.A.), secondo la preferenza espressa nel modulo di domanda.
Nel caso in cui in esito a verifiche e controlli emerga il mancato possesso dei requisiti, il beneficio e' immediatamente revocato, ferma restando la restituzione di quanto indebitamente percepito e le sanzioni previste a legislazione vigente.

© Copyright SuperAbile Articolo liberamente riproducibile citando fonte e autore
Immagine tratta da pixabay.com

di Giorgia Di Cristofaro

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati