SuperAbile






In Normativa e Diritti


Migliorano le prestazioni economiche, correlato alle nuove tariffe Inail 2019

La revisione delle tariffe e il miglioramento delle tutele per infortunati e affetti da malattia professionale. Assegno una tantum; vivenza a carico, Tabelle danno biologico senza distinzione di sesso. Legge stabilità 2019

14 maggio 2019

Sono state introdotte significative novità che determinano un proficuo cambiamento del livello delle tutele erogate in favore di infortunati e affetti da malattia professionale.

In attesa di ricevere le disposizioni dell'Istituto che regolamentano le procedure, di seguito le novità previste dalla Legge di Stabilità 2019.


Assegno una tantum/assegno funerario
Le nuove disposizioni normative elevano l’importo dell’assegno funerario a 10.000,00 euro a partire dal 1° gennaio 2019 e garantiscono l’erogazione dell’assegno a prescindere dai requisiti necessari per aver diritto alla rendita a superstite (limiti di età per i figli e collaterali, vivenza a carico per ascendenti e collaterali) previsti dall’art. 85, d.p.r. 1124/65.
Il nuovo importo dell’assegno continua a essere rivalutato sulla base della variazione dell’indice dei prezzi al consumo comunicato annualmente dall’Istat.

Nuove tabelle Indennizzo del danno Biologico
L’indennizzo in capitale del danno biologico è una prestazione economica non soggetta a tassazione Irpef riconosciuta per gli infortuni verificatisi dal 25 luglio 2000 e per le malattie professionali denunciate dal 25 luglio 2000, per i quali è accertato un determinato grado di menomazione dell’integrità psicofisica (gradi 6% - 15%).
Per gli eventi accaduti sino al 31 dicembre 2018 la prestazione è erogata, secondo le “Tabelle indennizzo danno biologico in capitale” di cui al d.m. 12/07/2000, in una unica soluzione e in funzione di età, sesso e grado di menomazione accertato sulla base della ”Tabella delle menomazioni” prevista dal d.lgs. 38/2000.
Dal 1° gennaio 2019, le prestazioni sono, invece, erogate sulla base di un’unica “Tabella indennizzo danno biologico in capitale” (cfr. Tabella 8), di cui alla determina presidenziale Inail n. 2/2019 , nella quale non c’è più distinzione di sesso.

Gli importi dei nuovi indennizzi, oltre a recepire le due rivalutazioni straordinarie intervenute rispettivamente nel 2008 e nel 2014, sono, inoltre, adeguati alla speranza di vita insita nei nuovi coefficienti di capitalizzazione. La nuova Tabella prevede indennizzi mediamente più alti di circa il 40% rispetto alle precedenti.

La "Vivenza a carico"
La legge bilancio 2019 ha rivisto l’istituto della “vivenza a carico”, introducendo una soglia di reddito quale limite per poter beneficiare della prestazione della rendita nel caso di soli genitori e/o a fratelli superstiti, a seguito di eventi mortali.Si supera, in tal modo, il requisito prima previsto della mancanza di mezzi di sussistenza autonomi e sufficienti, sostituendolo con un parametro reddituale costruito sul reddito netto medio delle famiglie italiane, periodicamente aggiornato dall’ISTAT

Commenti

torna su

Stai commentando come

  • CSTFNC78P04L452B
    Buongiorno, per quanto riguarda invece chi percepisce la rendita diretta inail mensilmente cio chi ha avuto un danno dal 16 al 100 come verra' effettuata la rivalutazione del danno biologico e se verra' effettuata Grazie e buon lavoro.

  • Esperto canale Interventi Inail
    Gentile Utente,

    la rivalutazione prevede:
    1° gennaio 2008 un aumento, in via straordinaria, nella misura dell’8,68% della quota di rendita che indennizza il danno biologico (decreto interministeriale del 27 marzo 2009, legge 24 dicembre 2007, n. 247)

    1° gennaio 2014, un ulteriore aumento in via straordinaria nella misura del 7,57% (decreto interministeriale del 14 febbraio 2004 articolo 1, comma 129, della legge 27 dicembre 2013, n. 147)

    La Legge stabilità 2016, articolo 303 (legge 28 dicembre 2015, n. 208) dispone che gli incrementi annuali si aggiungono a quello complessivo del 16,25% (8,68 più 7,57) e si applicano agli indennizzi dovuti dall'INAIL ai sensi della «Tabella indennizzo danno biologico».

    Quindi l’incremento, operativo a partire da luglio 2016, si aggiungerà al complessivo aumento del 16,25% disposto con i precedenti interventi “straordinari”.

    Per l’anno 2018, l’Istat ha registrato una variazione percentuale dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati intervenuta tra il 2016 e 2017 media annua, pari all’1,10%.

    Con il decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali del 19 luglio 2018, su proposta del Presidente dell’Inail, è stata disposta la rivalutazione annuale degli importi del danno biologico con decorrenza 1° luglio 2018, nella misura dell’1,10%.

    Tale rivalutazione si applica all’importo complessivo risultante dalla Tabella indennizzo danno biologico, maggiorato della percentuale del 16,25 corrispondente ai due aumenti straordinari di cui in premessa ormai consolidati.

    Con effetto dall'anno 2000 e a decorrere dal 1° luglio di ciascun anno, la retribuzione di riferimento per la liquidazione delle rendite corrisposte dall'Inail ai mutilati e agli invalidi del lavoro, relativamente a tutte le gestioni di appartenenza dei medesimi, è rivalutata annualmente sulla base della variazione effettiva dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati accertata dall’Istat intervenuta rispetto all'anno precedente.



Procedure per

Percorsi personalizzati