SuperAbile







Permessi 104 e contratto a tempo parziale (o part time)

Anche con un contratto di lavoro a tempo parziale, sia il lavoratore con disabilità che il familiare che presta assistenza possono fare richiesta dei permessi legge 104/92. La regolamentazione e il calcolo delle ore di permesso fruibili sono differenti a seconda che il contratto di lavoro a tempo parziale sia orizzontale o verticale.

7 giugno 2021

Il contratto di lavoro a tempo parziale orizzontale è quello in cui si ha una riduzione di orario giornaliero rispetto al tempo pieno (per esempio 6 ore di lavoro giornaliero invece di 8).
Il contratto di lavoro a tempo parziale verticale è quello in cui si ha attività lavorativa solo in alcuni giorni della settimana (per esempio il lunedì, il martedì e il giovedì e non invece dal lunedì al venerdì o al sabato nel caso di settimana lunga).
Anche con un contratto di lavoro a tempo parziale, sia il lavoratore con disabilità che il familiare che presta assistenza possono fare richiesta dei permessi legge 104/92.
La regolamentazione e il calcolo delle ore di permesso fruibili sono differenti a seconda che il contratto di lavoro a tempo parziale sia orizzontale o verticale.
INPS e INPDAP hanno pubblicato apposite circolari relative la possibilità di fruire dei giorni di permesso previsti dalla Legge 104/1992 per i lavoratori con contratti a tempo parziale.
 
Per i dipendenti pubblici la Circolare dell’INPDAP n. 34/2000 prevede quanto segue:
Part time orizzontale

  • permesso giornaliero ridotto in proporzione alle ore lavorate, (pertanto, nel caso di prestazione lavorativa inferiore alle 6 ore, il permesso giornaliero si riduce ad 1 sola ora);
  • permesso mensile di tre giorni resta per intero indipendentemente dall’orario di lavoro.
Part time verticale
  • permesso giornaliero di due ore per ogni giorno di servizio prestato;
  • permesso mensile di tre giorni ridotto proporzionalmente alle giornate effettivamente lavorate.
Dipendenti privati
Nel caso di part-time di tipo orizzontale rimangono valide le disposizioni fornite al paragrafo 2 del messaggio n. 3114/2018. Pertanto, i tre giorni di permesso non andranno riproporzionati. Relativamente a tali fattispecie, infatti, la commisurazione dei giorni di permesso alla ridotta durata dell’attività lavorativa è insita nella dinamica del rapporto medesimo.
Nel caso di rapporto di lavoro part time di tipo verticale e di tipo misto,  con attività lavorativa limitata ad alcuni giorni del mese, INPS nella circolare 45 del 19 marzo 2021
 
Con riferimento ai rapporti di lavoro part-time di tipo verticale e di tipo misto fino al 50%, rimangono valide le disposizioni fornite al citato paragrafo 2 del messaggio n. 3114/2018.
Si conferma che la formula di calcolo da applicare, ai fini del riproporzionamento dei 3 giorni di permesso mensile del part-time di tipo verticale e di tipo misto superiore al 50% con attività lavorativa limitata ad alcuni giorni del mese, è la seguente:
 
orario medio settimanale teoricamente
eseguibile dal lavoratore part-time
------------------------------------------------------- x 3 (giorni di permesso teorici)
orario medio settimanale teoricamente eseguibile
a tempo pieno
 
Il risultato numerico andrà quindi arrotondato all’unità inferiore o a quella superiore a seconda che la frazione sia fino allo 0,50 o superiore.
 
Normativa di riferimento
  • Legge 5 febbraio 1992, n. 104 - "Legge - quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate." (Pubblicata in G. U. 17 febbraio 1992, n. 39, S.O.).
  • Circolare INPDAP - Direzione Centrale Personale Ufficio IV - 10 luglio 2000, n. 34 - Legge quadro n. 104 del 5/2/1992 per l'assistenza, l'integrazione sociale ed i diritti delle persone handicappate. La disciplina di cui agli artt. 1, 3, 4, 33 e le innovazioni introdotte dagli artt. 19 e 20 della Legge n. 53 del 8/3/2000;
  • Circolare INPS 17 luglio 2000, n. 133 – Prestazioni a sostegno del reddito –   Benefici a favore delle persone handicappate. Legge 8 marzo 2000, n. 53. Art. 33, commi 1, 2, 3 e 6 della legge n. 104/92;
  • Messaggio INPS 7 agosto 2018, 3114 - Modalità di fruizione dei permessi di cui all’articolo 33 della legge n. 104/92 e del congedo straordinario di cui all’articolo 42, comma 5, del D.lgs n. 151/2001. Chiarimenti;
  • ircolare INPS 19 MARZO 2021, 45 - Permessi ai sensi dell’articolo 33, commi 3 e 6, della legge n. 104/1992. Lavoro a tempo parziale di tipo verticale o di tipo misto. Riproporzionamento della durata dei permessi fruiti dai lavoratori dipendenti del settore privato. Nuove istruzioni.
 
© Copyright SuperAbile Articolo liberamente riproducibile citando fonte e autore
Immagine tratta da pixabay.com

di Giorgia Di Cristofaro

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati