SuperAbile







Incidente mortale sulla A14. Filca-Cisl: “Con traffico chiudere i cantieri, la sicurezza è la priorità”

“Sono anni che denunciamo i pericoli che corrono i lavoratori impegnati nei cantieri stradali ed autostradali, ed evidentemente la normativa prevista per garantire la loro sicurezza, integrata e rafforzata solo pochi mesi fa grazie al nostro pressing, non è sufficiente ad evitare tragedie”

6 agosto 2019

ROMA - Due operai che lavoravano per conto di Autostrade sono morti, investiti da un Tir che ha invaso un cantiere allestito nel tratto bolognese della A14, a Borgo Panigale. L'incidente è avvenuto poco prima delle 23 di ieri al km 9, nei pressi dello svincolo per il raccordo interno. Gli operai stavano terminando l'allestimento del cantiere, necessario al rifacimento della segnaletica orizzontale, e c'era un restringimento della carreggiata indicato con cartelli e segnali luminosi. L'autista del mezzo pesante, un 62enne di origine albanese residente in Italia, è entrato nell'area del cantiere investendo i due e rischiando di travolgere un terzo addetto riuscito a spostarsi in tempo. Le vittime sono Antonio Pizzutelli, 38 anni, e Salvatore Vani, 46 anni, entrambi della provincia di Frosinone. Erano dipendenti di una ditta che lavora in appalto per Autostrade. Sul posto la Polizia Stradale. Il camionista, indagato per omicidio colposo, è stato sottoposto ai test per verificare se fosse sotto effetto di alcol o droghe.
 
Sulla drammatica vicenda interviene Franco Turri, segretario generale Filca-Cisl: “Il drammatico incidente di Borgo Panigale a Bologna, in cui sono deceduti due operai edili della provincia di Frosinone, ci addolora profondamente e ci indigna. Sono anni che denunciamo i pericoli che corrono i lavoratori impegnati nei cantieri stradali ed autostradali, ed evidentemente la normativa prevista per garantire la loro sicurezza, integrata e rafforzata solo pochi mesi fa grazie al nostro pressing, non è sufficiente ad evitare tragedie come queste. La presenza di traffico veicolare a pochissima distanza dal luogo in cui operano questi lavoratori – spiega Turri – rappresenta un rischio altissimo. Sarebbe il caso di valutare la chiusura di tutti i cantieri stradali nei periodi di grande traffico, come ha deciso la Regione Liguria, con il doppio vantaggio di evitare le code ma soprattutto di garantire l’incolumità dei lavoratori impegnati nei cantieri. E comunque tutti i soggetti in campo, datori di lavoro, committenti e imprese appaltatrici, devono rispettare alla lettera la normativa in vigore. Inoltre ci appelliamo anche alle istituzioni che vigilano sulla corretta attuazione e agli automobilisti, che devono affrontare i tratti interessati dai lavori con la massima prudenza, nel rispetto del Codice della Strada e di quanto indicato dalla segnaletica. Il tratto di Borgo Panigale, tra l’altro, è noto per l’incidente gravissimo avvenuto giusto un anno fa e per un altro incidente avvenuto nei giorni scorsi. Le due vittime, di 38 e 46 anni, allungano il triste elenco di lavoratori travolti e uccisi mentre erano impegnati in cantieri stradali: tra gli incidenti più recenti – ricorda il segretario generale della Filca – ci sono quelli di febbraio a Villareggia, in Piemonte, con due vittime, quello sull’autostrada A10 Genova-Savona, nel quale sono morti altri due lavoratori, e gli incidenti mortali sull’A21, nell’astigiano, e sull’A15, nei pressi di Parma. È ora di interrompere questa terribile scia di sangue”, conclude Turri.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati