SuperAbile







“La Casa di Toti”: primi passi per il futuro albergo etico

Grazie al progetto “Sporcatevi le Mani” alcuni ragazzi disabili a Catania hanno avuto la possibilità di svolgere stages per capire come funziona il settore della ricettività. Le loro esperienze confluiranno nella gestione del primo albergo etico della Sicilia

20 giugno 2019

PALERMO - Dopo due anni di lavoro, impegno e fatica, ma soprattutto tante soddisfazioni, oggi pomeriggio, presso Le Capannine di Catania si terrà l’inaugurazione di “Abilitiamo La Casa di Toti verso il cohousing-Stages”. Il progetto è stato realizzato grazie a “Sporcatevi le Mani”, la campagna nazionale di raccolta fondi che ha permesso, con una piccola donazione mensile (meno di un caffè al giorno) di sostenere programmi per l’inclusione sociale di persone con disabilità garantendone la continuità nel tempo. Questo pomeriggio, a fare gli onori di casa, saranno Muni Sigona, mamma del giovane autistico Toti e presidente de La Casa di Toti onlus, l’equipe dello studio Parentage e Samuel Mazzolin, responsabile di "Sporcatevi Le Mani" per I Bambini delle Fate. Oltre a questo, in Sicilia sono partiti altri due progetti.

Grazie alla generosità di circa 100 donatori, 20 ragazzi con disabilità, seguiti dallo studio psicopedagogico Parentage, hanno avuto la possibilità, negli ultimi due anni, di effettuare degli stages nelle aziende partner e presso la Villa storica del '700, adiacente alla nascente Casa di Toti - futuro Albergo Etico - per imparare come si gestisce una struttura ricettiva. La campagna “Sporcatevi le mani” ha permesso di svolgere un'esperienza di cohousing e stages per alcuni dei ragazzi con disabilità per la prima volta senza gravare economicamente sulle famiglie. Il messaggio che con il progetto si vuole lanciare è che questi giovani non sono soli e che le famiglie non devono sempre rinunciare ai loro bisogni in favore di quelli dei loro figli. Gli stages fatti presso il futuro albergo etico hanno portato lo studio Parentage a stipulare accordi e convenzioni con esercizi commerciali che stanno dando la possibilità ai ragazzi di comprendere come funziona il mondo del lavoro ponendosi degli obiettivi e avendo delle responsabilità.

“C’è ancora tanta strada da percorrere e ci sono tante battaglie da vincere - hanno riferito le dottoresse dello studio Parentage - ma noi vogliamo continuare a lottare per tutte quelle famiglie speciali che credono che i professionisti del settore sono alleati e non nemici, vogliamo abbattere le barriere e lottare tutti per una vera inclusione”. “Mi sento onorata e molto soddisfatta - dice Muni Sigona - di avere accanto amici dal cuore grande e professionisti che hanno creduto e credono ancora nel nostro sogno: la realizzazione de La Casa di Toti con il primo Albergo Etico della Sicilia gestito da ragazzi con disabilità. Questa di oggi sarà una festa a coronamento di questa fase di prima formazione che è iniziata nel 2017 con i primi due stages e con altri due nel 2018. Sono stati coinvolti dieci ragazzi per ogni stage che nella villa, accompagnati da sei educatori, hanno per due giorni sperimentato, attraverso delle simulazioni, quella che sarà la gestione dell'albergo solidale esercitandosi in operazioni di check-in, pulizia delle camere e della piscina. Il quinto stage è previsto per il prossimo settembre a cui poi ne seguirà un altro. Per il futuro dell'Albergo Etico, la struttura residenziale La Casa di Toti ospiterà 7 ragazzi e ragazze con disabilità lieve facendo eccezione per Toti che ha una disabilità di tipo autistico grave. Il ritorno economico dell'attività dell'albergo andrà tutto ai ragazzi. A loro si aggiungono anche 20 giovani che sono stati coinvolti in diverse attività con gli stages a Catania. Dopo l'apertura dell'Albergo Etico, altri 12 giovani avranno la possibilità di pernottare anche con le loro famiglie". "Quest'anno siamo riusciti ad usufruire dell'assegno di cura riservato ai gravi e gravissimi che ci ha permesso di pagare in buona parte le spese che interessano l'assistenza di nostro figlio Toti - aggiunge ancora Muni Sigona -. La futura Casa di Toti dove vivranno i ragazzi dovrebbe, invece, concludere i suoi lavori entro la fine dell'anno. Il nostro desiderio sarebbe quello di riuscire ad inaugurare l'Albergo Etico con Casa di Toti il prossimo due aprile anche se non sarà una residenza dedicata soltanto agli autistici". (set)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati