SuperAbile







Valutazione alunni con disabilità scuola primaria (ex elementare)

Le nuove disposizioni hanno individuato un impianto valutativo che supera il voto numerico e introduce il giudizio descrittivo per ciascuna delle discipline previste dalle Indicazioni nazionali per il curricolo, Educazione civica compresa.

21 aprile 2021

Nella scuola primaria la valutazione dell'alunno con disabilità certificata dalla Legge 104/92, deve trovare dei punti d'incontro con quella della classe di appartenenza, considerando le competenze e le potenzialità di ciascuno. Gli insegnanti hanno a disposizione gli strumenti per costruire e valutare percorsi e competenze degli alunni attraverso il Piano Educativo Individualizzato (PEI) e il Piano di Studio Personalizzato (PSP). Viene sottolineata l'importanza della collaborazione tra scuola e famiglia, tramite modalità di comunicazione efficaci e trasparenti.
 
Secondo quanto previsto dal Decreto-legge 8 aprile 2020 n. 22 (convertito con modificazioni dalla Legge 6 giugno 2020 n. 41) e dall’Ordinanza del 4 dicembre 2020 n. 172 (accompagnata da apposite Linee Guida), il giudizio descrittivo di ogni alunno sarà riportato nel documento di valutazione e sarà riferito a quattro differenti livelli di apprendimento:
In via di prima acquisizione: l'alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e unicamente con il supporto del docente e di risorse fornite appositamente.
Base: l'alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e utilizzando le risorse fornite dal docente, sia in modo autonomo ma discontinuo, sia in modo non autonomo, ma con continuità.
Intermedio: l'alunno porta a termine compiti in situazioni note in modo autonomo e continuo; risolve compiti in situazioni non note, utilizzando le risorse fornite dal docente o reperite altrove, anche se in modo discontinuo e non del tutto autonomo.
Avanzato: l'alunno porta a termine compiti in situazioni note e non note, mobilitando una varietà di risorse sia fornite dal docente, sia reperite altrove, in modo autonomo e con continuità.
I livelli di apprendimento saranno riferiti agli esiti raggiunti da ogni alunno in relazione agli obiettivi di ciascuna disciplina. Nell'elaborare il giudizio descrittivo si terrà conto del percorso fatto e della sua evoluzione.
 
Le nuove disposizioni hanno individuato un impianto valutativo che supera il voto numerico e introduce il giudizio descrittivo per ciascuna delle discipline previste dalle Indicazioni nazionali per il curricolo, Educazione civica compresa. Un cambiamento che ha lo scopo di far sì che la valutazione degli alunni sia sempre più trasparente e coerente con il percorso di apprendimento di ciascuno. Per gli alunni con disabilità certificata, l'ammissione alla classe successiva e alla prima classe di scuola secondaria di primo grado avviene secondo quanto disposto dal Piano Educativo Individualizzato (PEI).
 
Con decisione assunta all'unanimità, i docenti possono non ammettere l'alunno alla classe successiva, ma solo in casi eccezionali e comprovati da specifica motivazione.
L'esame di licenza elementare non viene più effettuato, come disposto dall'art. 19 comma 3 del Decreto Legislativo 19 febbraio 2004 n. 59.
 
I docenti di sostegno partecipano alla valutazione di tutti gli alunni della classe e nel caso in cui a più docenti di sostegno sia affidato, nel corso dell'anno scolastico, lo stesso alunno con disabilità, la valutazione è espressa congiuntamente.


Riferimenti normativi

Documenti di accompagnamento
(Slide di presentazione delle norme sulla valutazione alla primaria)

Ordinanza del 4 dicembre 2020 n. 172 (Valutazione periodica e finale degli apprendimenti delle alunne e degli alunni delle classi della scuola primaria);

Linee guida (La formulazione dei giudizi descrittivi nella valutazione periodica e finale della scuola primaria);

La valutazione nella scuola primaria (Giudizi descrittivi nella valutazione periodica e finale)

Nota del 1 settembre 2020 n. 1515 (Attuazione dell'articolo 1, comma 2-bis del decreto legge 22/2010. Valutazione scuola primaria);

Nota dell'8 giugno 2020 n. 793 (Alunni con disabilità – Reiscrizione alla medesima classe – Indicazioni);

Decreto-Legge 8 aprile 2020 n. 22 (Misure urgenti sulla regolare conclusione e l'ordinato avvio dell'anno scolastico e sullo svolgimento degli esami di Stato);

Decreto Legislativo 7 agosto 2019 n. 96 (Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 66, recante: «Norme per la promozione dell'inclusione scolastica degli studenti con disabilità, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera c), della legge 13 luglio 2015, n. 107»);

Decreto Ministeriale 3 ottobre 2017 n. 742 (Certificazione delle competenze del Primo Ciclo di Istruzione ai sensi dell'art. 9, comma 3, del decreto legislativo 62/2017);

Decreto Legislativo 13 aprile 2017 n. 66 (Norme per la promozione dell'inclusione scolastica degli studenti con disabilità, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera c), della legge 13 luglio 2015, n. 107);

Decreto Legislativo del 13 aprile 2017 n. 62 (Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera i), della legge 13 luglio 2015, n. 107);

Legge 13 luglio 2015 n. 107 (Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti);

Decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 2009 n. 122 (Regolamento recante coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni e ulteriori modalità applicative in materia, ai sensi degli articoli 2 e 3 del decreto-legge 1° settembre 2008, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169);

Legge 3 marzo 2009 n. 18 (Ratifica ed esecuzione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, con Protocollo opzionale, fatta a New York il 13 dicembre 2006 e istituzione dell'Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità);

Legge 30 ottobre 2008 n. 169 (Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1º settembre 2008, n. 137, recante disposizioni urgenti in materia di istruzione e università);

Decreto Legislativo 19 febbraio 2004 n. 59 (Definizione delle norme generali relative alla scuola dell'infanzia e al primo ciclo dell'istruzione, a norma dell'articolo 1 della legge 28 marzo 2003, n. 53);

Legge 28 marzo 2003 n. 53 (Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull'istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale);

Legge 5 febbraio 1992 n. 104 (Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate).

di Antonello Giovarruscio

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati