SuperAbile







Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento (PCTO)

Con la di Legge di Bilancio 2019 (Legge 30 dicembre 2018 n. 145), i percorsi in alternanza scuola-lavoro sono ridenominati "Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento".

24 ottobre 2019

I Percorsi per le Competenze Trasversali e per l'Orientamento (ex alternanza scuola lavoro) entrano nel nostro sistema educativo con la Legge del 28 marzo 2003 n. 53, che all'articolo 4 la prevede come possibilità di realizzare i corsi del secondo ciclo, consentendo ai ragazzi che hanno compiuto il quindicesimo anno di età di svolgere l'intera formazione dai 15 ai 18 anni "attraverso l'alternanza di periodi di studio e di lavoro, sotto la responsabilità dell'istituzione scolastica, sulla base di convenzioni con imprese o con le rispettive associazioni di rappresentanza o con le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, o con enti, pubblici e privati, inclusi quelli del terzo settore, disponibili ad accogliere gli studenti per periodi di tirocinio che non costituiscono rapporto individuale di lavoro."
Il Decreto legislativo del 15 aprile 2005 n. 77 (applicativo della succitata Legge 53/03), definisce l'alternanza quale modalità di realizzazione dei corsi del secondo ciclo per assicurare ai ragazzi, oltre alle conoscenze di base, l'acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro.

La Legge del 13 luglio 2015 n. 107, ha inserito organicamente questa strategia didattica nell'offerta formativa di tutti gli indirizzi di studio della scuola secondaria di secondo grado come parte integrante dei percorsi di istruzione. Il ruolo dell'alternanza scuola lavoro nel sistema di istruzione ne esce decisamente rafforzato. Rispetto al corso di studi prescelto, la Legge 107/15 stabilisce un monte ore obbligatorio per attivare le esperienze di alternanza che coinvolgeranno, a partire dalle classi terze, tutti gli studenti del secondo ciclo di istruzione.

Con la di Legge di Bilancio 2019 (Legge 30 dicembre 2018 n. 145), i percorsi in alternanza scuola-lavoro sono ridenominati “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento” e, a decorrere dall’anno scolastico 2018/19, sono attuati per una durata complessiva:
non inferiore a 210 ore nel triennio terminale del percorso di studi degli istituti professionali;
non inferiore a 150 ore nel secondo biennio e nell'ultimo anno del percorso di studi degli istituti tecnici;
non inferiore a 90 ore nel secondo biennio e nel quinto anno dei licei.
Con il Decreto del 4 settembre 2019 n. 774, il Ministero dell'istruzione ha adottato le linee guida in merito ai percorsi.

Per gli studenti con disabilità certificata, i periodi di apprendimento mediante esperienze di lavoro sono dimensionati in modo da promuovere l'autonomia anche ai fini dell'inserimento nel mondo del lavoro.
Le strutture ospitanti i periodi di lavoro devono garantire spazi adeguati per consentire agli studenti con disabilità l'esercizio delle attività previste, anche con l'abbattimento di eventuali barriere architettoniche.

Riferimenti normativi

Decreto Ministeriale del 4 settembre 2019 n. 774
(Linee guida "Percorsi per le Competenze Trasversali e per l'Orientamento" (PCTO));

Decreto Legislativo 7 agosto 2019 n. 96 (Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 66, recante: «Norme per la promozione dell'inclusione scolastica degli studenti con disabilità, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera c), della legge 13 luglio 2015, n. 107»);

Nota 18 febbraio 2019 n. 3380 (Novità della Legge di Bilancio 2019 in tema di percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento);

Legge 30 dicembre 2018 n. 145 art. 1 commi da 784 a 787 (Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019/2021);

Decreto-legge 25 luglio 2018, n. 91 convertito con modificazioni dalla L. 21 settembre 2018, n. 108 art. 6 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative);

Decreto interministeriale del 3 novembre 2017 n. 195 (Regolamento recante la Carta dei diritti e dei doveri degli studenti in alternanza scuola-lavoro e le modalità di applicazione della normativa per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro agli studenti in regime di alternanza scuola-lavoro);

Carta dei diritti e doveri degli studenti in alternanza Scuola Lavoro (Parere del Consiglio di Stato per garantire ai giovani il pieno rispetto dei loro diritti e a definire i loro doveri in materia di alternanza Scuola-Lavoro);

Decreto Legislativo 13 aprile 2017 n. 66 (Norme per la promozione dell'inclusione scolastica degli studenti con disabilità, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera c), della legge 13 luglio 2015, n. 107);

Decreto Legislativo 13 aprile 2017 n. 62 (Norme in materia di valutazione e certificazione delle competenze nel primo ciclo ed esami di Stato, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera i), della legge 13 luglio 2015, n. 107);

Circolare Inail del 21 novembre 2016 n. 44 (Studenti impegnati in attività di alternanza scuola lavoro. Legge 13 luglio 2015, n. 107, commi 33-43. Criteri per la trattazione dei casi di infortunio. Aspetti contributivi);

Legge 13 luglio 2015 n. 107 art. 1 commi dal 33 al 43 (Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti);

Decreto Legislativo 15 giugno 2015 n. 81 art. 43 (Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n. 183);

Legge 10 dicembre 2014 n. 183 art. 1 comma 7 lettera d (Deleghe al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino della disciplina dei rapporti di lavoro e dell'attività ispettiva e di tutela e conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro);

Legge 8 novembre 2013 n. 128 art. 8 (Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca);

Legge 3 marzo 2009 n. 18 (Ratifica ed esecuzione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, con Protocollo opzionale, fatta a New York il 13 dicembre 2006 e istituzione dell'Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità);

Intesa tra il Governo, le Regioni e gli Enti locali del 20 marzo 2008 art. 3 (Intesa in merito alle modalità e ai criteri per l'accoglienza scolastica e la presa in carico dell'alunno con disabilità);

Decreto Legislativo 17 ottobre 2005 n. 226 art. 16 (Norme generali e livelli essenziali delle prestazioni relativi al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione, a norma dell'articolo 2 della legge 28 marzo 2003, n. 53);

Decreto Legislativo 15 aprile 2005 n. 77 art. 4 comma 5, art. 6 comma 3 (Definizione delle norme generali relative all'alternanza scuola-lavoro, ai sensi dell'articolo 4 della legge 28 marzo 2003, n. 53);

Legge 28 marzo 2003 n. 53 art. 4 (Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull'istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale);

DPR 8 marzo 1999 n. 275 art. 7 (Regolamento recante norme in materia di Autonomia delle istituzioni scolastiche ai sensi dell'art. 21, della legge 15 marzo 1999, n. 59);

Legge 24 giugno 1997 n. 196 artt. 16 e 18 (Norme in materia di promozione dell'occupazione);

Legge 5 febbraio 1992 n. 104 art. 3 commi 1 e 3, art. 13 (Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate).

di Antonello Giovarruscio

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati