SuperAbile







Interventi a sostegno di persone con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) in Sicilia

Approvata dall'Assemblea Regionale Siciliana del 26 giugno 2018, la legge sulle norme in materia di interventi in favore di persone con DSA.

8 agosto 2018

Con la Legge Regionale 12 luglio 2018 n. 13 in allegato, la Sicilia detta le norme in materia di interventi in favore di soggetti con DSA, mirando a creare stabili e produttive forme di collaborazione tra la Regione, le famiglie, il privato sociale e le istituzioni scolastiche e sanitarie. La Regione riconosce che la dislessia, la disgrafia, la disortografia, la discalculia, definiti disturbi specifici di apprendimento (DSA) e la disprassia verbale, limitando l'utilizzo delle capacità di lettura, di scrittura e di calcolo e di linguaggio, ostacolano il pieno sviluppo delle potenzialità dell'individuo, arrivando spesso a compromettere l'equilibrio psicologico, individuale e familiare della persona con DSA.

La Legge Regionale mira a prevenire la difficoltà, favorire l'apprendimento scolastico ed una istruzione adeguata fino ai gradi più alti degli studi, nonché l'inserimento nel mondo del lavoro delle persone con DSA. Si evidenziano iniziative volte a promuovere, creare e offrire servizi di screening e di individuazione precoce di alunni a rischio di DSA, a partire dalla scuola dell'infanzia e nella scuola primaria e di recupero delle difficoltà nell'ambito dei percorsi curriculari scolastici. Per quanto riguarda le certificazioni, la legge intende ottenere accertamenti tempestivi (secondo, terzo anno della scuola primaria), completi (descrizione di eventuali disturbi associati) e corretti nell'ambito di una stretta collaborazione tra strutture socio-sanitarie, pubbliche e private, famiglie e istituzioni scolastiche.

Per quanto riguarda i concorsi pubblici regionali, la legge garantisce pari opportunità alle persone con DSA, sia nei bandi di concorso, sia durante lo svolgimento delle prove concorsuali, anche mediante l'utilizzo di strumenti adeguati. Nelle prove scritte dei concorsi pubblici indetti dalla Regione, dagli enti locali e dai loro enti partecipati è assicurata la possibilità di sostituire tali prove con un colloquio orale o di utilizzare strumenti compensativi per le difficoltà di lettura, di scrittura e di calcolo, ovvero di usufruire di un prolungamento dei tempi stabiliti per l'espletamento delle medesime prove e di ciò deve essere data tempestiva ed adeguata pubblicità nel bando di concorso.

Fonte: Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana

di Antonello Giovarruscio

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati