SuperAbile







Jacopo e Alessandro, a scuola con “Pedibus”, spingendo la carrozzina anche con la pioggia

Jacopo Melio racconta la storia di due amici di 8 anni, che ogni mattina raggiungono la scuola con un ecologico “Autobus a piedi”, insieme ai loro compagni. Alessandro spinge la carrozzina di Jacopo e niente li ferma, neanche la pioggia.

6 gennaio 2017

ROMA – Alessandro e Jacopo vanno a scuola a piedi: o meglio, uno a piedi, l'altro con la sua sedia a ruote. Sono due amici e, da veri amici, si aiutano. Frequentano la terza elementare nella scuola “G. Verdi” di Fardigiano, in provincia di Venezia. La loro storia è raccontata da Iacopo Melio su FanPage. Tutto inizia con il servizio “Pedibus”, attivo nel loro piccolo paese: una sorta di “autobus a piedi”, per cui i bambini raggiungono la scuola con una passeggiata insieme, sorvegliato da qualche genitore volontario. Anche Jacopo voleva partecipare al progetto, così la sua mamma si è informata, per capire se questo fosse possibile, nonostante la disabilità del figlio. Ma c'era un problema: chi avrebbe spostato Jacopo dalla carrozzina alla sua sedia speciale, una volta arrivato a scuola? Normalmente lo fa la mamma, perché l'assistente – l'unico titolato a compiere questa manovra – in prima ora non c'è. Ci ha pensato Cristina, la mamma di Alessandro, ad assumersi la responsabilità lungo il tragitto, mentre una maestra di è resa disponibile ad accoglierlo, in assenza dell'assistente o dell'insegnante di sostegno.
Intanto, Alessandro è diventato “l'autista di fiducia di Jacopo – riferisce Melio - al punto da sfidare insieme la pioggia con ombrello e mantellina: insieme centrano tutte le pozzanghere con la carrozzina, fanno lo slalom tra i cumuli di foglie secche e ovviamente si divertono come matti!”: Morale della favola? “Alle volte basta parlare, usare il buon senso e venirsi incontro per abbattere le barriere, in barba a quella burocrazia che limita anche la più innocente delle libertà. Come quella di una sana passeggiata, insieme, dove l'animo dei bambini si dimostra completamente cieco difronte alle differenze”.

(6 gennaio 2017)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati