SuperAbile







Inclusione scolastica, disabilità intellettiva e Dsa i problemi più diffusi

Rapporto Istat sull'integrazione scolastica: circa il 50% degli studenti disabili della scuola secondaria di primo grado ha una disabilità intellettiva. E' questo il problema più diffuso, seguito dai disturbi dello sviluppo e del linguaggio. Il 45% degli alunni disabili è multiproblematico

22 dicembre 2016

ROMA – La disabilità più diffusa nelle scuole è quella intellettiva: è quanto emerge dall'ultimo rapporto Istat sull'integrazione degli studenti disabili, da cui emerge che la disabilità intellettiva riguarda il 42,5% della popolazione con disabilità nella scuola primaria e il 50,3% di quella della scuola secondaria di I grado. Nella scuola primaria tale problema è seguito dai disturbi dello sviluppo e del linguaggio, che riguardano rispettivamente il 24,9% e il 21,8% degli alunni con disabilità. Nella scuola secondaria di primo grado, dopo la disabilità intellettiva, i problemi più frequenti sono legati ai disturbi dell’apprendimento e ai disturbi dello sviluppo che riguardano, rispettivamente, il 22,1% e il 21,4% degli alunni con disabilità.
 
Gli alunni multiproblematici rappresentano in media il 45% del totale degli alunni con disabilità, con piccole variazioni tra le ripartizioni territoriali: il 25% presenta due problemi e il restante 20% ha tre o più problemi.
 
La maggioranza degli alunni ha una certificazione in base alla Legge n.104 del 1992, anche se permane una quota pari al 3,1% di alunni senza alcuna certificazione nella scuola primaria e al 3,6% nella scuola secondaria di primo grado, nonostante questa sia normativamente prevista ai fini dell’erogazione dei servizi di sostegno scolastico. Nella scuola primaria l’86,4% degli alunni ha solo la certificazione di disabilità e il 9,2% ha sia la certificazione di disabilità sia quella d’invalidità. La percentuale più alta di alunni con disabilità con una certificazione si riscontra nelle regioni del Nord. La quota più elevata di alunni con disabilità senza certificazione si osserva, invece, al Centro con una percentuale pari al 7,2%. Analoghe differenze territoriali si riscontrano anche tra gli alunni della scuola secondaria di primo grado: il Nord è la ripartizione con la percentuale maggiore (90%) di alunni con almeno una certificazione, mentre il Mezzogiorno è quella con la percentuale maggiore (12,3%) di alunni senza certificazione.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati