SuperAbile






In Interventi Inail


Inail rimborso alle cure idrofangotermali e climatiche

Rimborso delle prestazioni economiche accessorie, i soggetti aventi diritto, elenco delle prestazioni erogabili per la fruizione delle cure idrofangotermali e climatiche. Detpress 563 del 28.12.2018

7 gennaio 2019

Sulla base della normativa vigente (Legge 323/2000, art. 5, c. 1-Riordino del settore termale; Legge n. 208/2015, art. 1, cc. 301 e 302), l'Inail provvede al rimborso delle spese di viaggio e soggiorno (prestazioni economiche accessorie) sostenute dall'infortunato/tecnopatico per la fruizione delle cure idrofangotermali, autorizzate dal dirigente medico dell' Inail ed erogate a carico del Servizio sanitario nazionale, nonché delle spese di viaggio e soggiorno sostenute per l'eventuale accompagnatore, qualora autorizzato.

Al riguardo,  le norme prevedono la prosecuzione dell'erogazione delle prestazioni economiche accessorie da parte degli Enti previdenziali dopo il 31 dicembre 2018 subordinatamente all'emanazione di specifici  protocolli da loro stessi definiti, si riportano:



  1. i soggetti che ne hanno diritto;
  2. le patologie che possono trovare reale beneficio dalle cure termali;
  3. le prestazioni termali erogabili agli assistiti dell'Inail (a carico del Ssn);
  4. le prestazioni economiche accessorie erogate dall' Inail.
 
1. I soggetti che hanno diritto alla suddetta prestazione sono:
  • infortunati/tecnopatici, durante il periodo di inabilità temporanea assoluta al lavoro con motivato parere clinico sulla assoluta necessità della cura e previo assenso della Asi di competenza (casi di "indifferibilità" delle cure termali);
  • titolari di indennizzo per infortunio o malattia professionale, per i quali non sia scaduto l'ultimo termine revisionale e le cui menomazioni siano inquadrabili nelle patologie espressamente previste da apposito decreto del Ministero della Salute (patologie identificate nell'elenco di cui al d.m. del 15.12.1994);
  • titolari di indennizzo/rendita per silicosi o asbestosi, senza limiti di tempo, le cui menomazioni siano inquadrabili nelle patologie espressamente previste dal citato decreto del Ministero della salute.
2. Le patologie che possono trovare reale beneficio dalle cure termali per i soggetti assistiti Inail, tenuto conto del decreto del Ministero della sanità del 15 dicembre 1994, in particolare sono:
  • Malattie reumatiche: osteoartrosi ed altre forme degenerative; reumatismi extra­ articolari.
  • Malattie delle vie respiratorie: sindromi rinosinusitiche-bronchiali  croniche;  bronchiti croniche semplici o accompagnate da componente ostruttiva (con esclusione dell'asma e dell'enfisema avanzato, complicato da insufficienza respiratoria grave o da cuore polmonare cronico).
Tenuto conto delle patologie per le quali il Servizio sanitario nazionale eroga l'assistenza termale a tutti gli assistiti, nonché del parere espresso dal Consiglio superiore di sanità nella seduta del 13 aprile 1994 su specifica richiesta dell' Inail, sono da ricomprendere anche le seguenti patologie:
  • Malattie dermatologiche: eczema e dermatite atopica da contatto professionale (escluse le forme acute vescicolare ed essudativa).
  • Malattie ORL: riniti, faringiti, laringiti croniche da fattori professionali irritativi o allergizzanti.
  • Malattie vascolari: postumi di flebopatie croniche post-traumatiche.
3. Le  prestazioni erogabili agli assistiti dell'Inail sono indicate nell'allegato 9 del d.p.c.m. del 12 gennaio 2017. In particolare, le prestazioni erogabili ai sensi del decreto legge 25.1.1982, n. 16 convertito con modificazioni dalla legge 25.3.1982, n. 98 e successive modificazioni (secondo il quale l'onere per le prestazioni economiche accessorie a quelle idrotermali erogate in favore degli assicurati dell'lnail e dell'lnps è a carico delle rispettive gestioni previdenziali), sono:
  • Ciclo di ventilazione  polmonare controllate comprendente:
    • Visita specialistica
    • Ventilazioni polmonari medicate e non (ciclo di 15 ventilazioni)
  • Ciclo di cure per la riabilitazione motoria comprendente:
    • Visite  mediche (prescrizioni terapeutiche;  assistenza  sanitaria; compilazione ed aggiornamento della speciale cartella clinica)
    • Indagini specialistiche e di laboratorio (esami radiologici; esami elettromiografici; altre indagini specialistiche se necessarie)
    • Trattamenti medicamentosi, fisioterapici, riabilitativi funzionali e complementari
    • Crenochinesiterapia (bagni termali, ozonizzati o meno, con o senza massaggio subacqueo;  fanghi termali;  trattamenti termali  per angiopatie)
    • Fisioterapia (ginnastica attiva e passiva; elettroterapia esogena ed endogena; ecc.).
    • Altre terapie strumentali e medicamentose (qualora richieste dai singoli casi)
  • Ciclo di cura per la riabilitazione della funzione respiratoria comprendente:
    • Visite mediche (prescrizioni terapeutiche; assistenza  sanitaria;  compilazione ed aggiornamento della speciale cartella clinica)
    • Indagini specialistiche e di laboratorio (spirometria; ergometria; ECG; radiografia del torace nelle due proiezioni ortogonali; esame dell'espettorato previo arricchimento; esami ematochimici, se ritenuti necessari)
    • Trattamenti medicamentosi, fisioterapici, riabilitativi funzionali e complementari
    • Fisiokinesiterapia, ginnastica respiratoria, ergometria, ventilazione  polmonare controllata, medicata o non
    • Ossigenoterapia
    • Cure inalatorie (utilizzando, quando indicato, anche il                 nebulizzatore ultrasonico).
Sulla base di quanto sopraesposto sono, inoltre, erogabili agli assisiti Inail anche le seguenti ulteriori prestazioni previste dall'allegato 9 del d.p.c.m. del 12 gennaio  2017 che elenca le prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale erogabili a tutti gli assistiti:
  • Bagni per malattie dermatologiche (ciclo di 12 bagni)
  • Cure inalatorie (inalazioni, nebulizzazioni, aerosol, humages)  (ciclo di 24 prestazioni
  • Ciclo di cura dei postumi di flebopatie di tipo cronico comprendente:
    • Visita specialistica
    • Elettrocardiogramma
    • Esami ematochimici: azotemia, glicemia,  uricemia, colesterolo totale e HDL, trigliceridi
    • Esami strumentali: oscillometria, doppler (prima e dopo la cura) 12 bagni "terapeutici"  con idromassaggio
La durata del ciclo di cure per il trattamento termale autorizzato dall'Inail è di 15 giorni annui (12 di cure più 3 di viaggio).
Il medico dell'Inail indicherà la struttura termale più adatta alla patologia da trattare ma limitatamente, di norma, a località in ambito regionale o in regioni limitrofe.

Soggiorni Climatici
Il soggiorno climatico è una prestazione basata sulla climatoterapia cioè sugli effetti biologici del clima sull'organismo umano e consiste in periodi di soggiorno in una località idonea al tipo di patologia senza sedute di cura.

Per tale caratteristica, questa prestazione è rimasta sempre a totale carico dell'Inail.

Il soggiorno climatico trova specifica indicazione nei casi di particolare gravità in particolare per grave insufficienza cardio-respiratoria  e gravi disturbi neurologici.

Le richieste da parte dell'infortunato/tecnopatico possono essere inoltrate in qualsiasi periodo dell'anno, nell'ambito dei termini revisionali, ad eccezione dei silicatici e asbestosici per i quali non sono previsti limiti di tempo.

Le richieste di soggiorno devono essere presentate dall'infortunato/tecnopatico corredate da un certificato medico, attestante le menomazioni per le quali si richiede la specifica prestazione sanitaria e il tipo di soggiorno ritenuto necessario.

Il dirigente medico dell' Inail può stabilire la necessità di un accompagnatore, per il solo viaggio o per il viaggio e il soggiorno, anche a favore dell'infortunato/tecnopatico non titolare di assegno per assistenza personale continuativa.
 
I soggetti che hanno diritto alla suddetta prestazione sono:
  • titolari  di  indennizzo  per  infortunio o malattia  professionale per i quali non sia scaduto l'ultimo termine revisionale;
  • titolari di indennizzo/rendita per silicosi o asbestosi, senza limiti di tempo. 
 La durata del periodo di soggiorno può essere al massimo di 20 giorni ed il medico dell' Inail indicherà il clima più adatto alla patologia da trattare ma limitatamente, di norma, a località in ambito regionale o in regioni limitrofe.

 4. Le prestazioni economiche accessorie erogate per la fruizione delle cure idrofangotermali o dei soggiorni climatici dall' Inail consistono nel rimborso spese di:
  • viaggio di andata e ritorno all'assistito e all'eventuale  accompagnatore per l'effettuazione delle cure (previa autorizzazione);
  • soggiorno in albergo convenzionato (A partire dal 1997, le competenze alla stipula delle convenzioni è devoluta con delibera del Consiglio di amministrazione  dell'lnail alle Strutture regionali) anche per l'accompagnatore;
  • pagamento dell'indennità per inabilità temporanea assoluta o integrazione della rendita diretta solo nei casi di indifferibilità del trattamento. Gli importi relativi all'indennità o all'integrazione sono soggetti a tassazioneIrpef.
Le prestazioni si ottengono presentando la domanda, su richiesta del medico curante, alla Sede Inail di appartenenza. Le richieste di cure termali o soggiorni climatici devono essere presentate dall'infortunato/tecnopatico corredate da un certificato medico attestante le menomazioni per le quali si richiede la specifica prestazione sanitaria e il tipo di cura o il soggiorno ritenuto necessario.

Il dirigente medico dell'Inail esamina le richieste e individua, in caso di concessione, la cura o il soggiorno più adeguato al caso. Le cure, qualora concesse, possono essere effettuate al di fuori dei periodi di congedo ordinario solo se ritenute "indifferibili", dal punto di vista dell'utilità e dell'efficacia terapeutica e/o riabilitativa e di norma, in località situata nella regione di appartenenza ovvero in regioni limitrofe.
Sono a carico dell'Inail le spese di viaggio e di soggiorno di coloro che, previa autorizzazione, accompagnano i titolari di assegno per assistenza personale continuativa a effettuare le cure o il soggiorno.
Il dirigente medico dell' Inail può stabilire la necessità di accompagnatore, per il solo viaggio o per il viaggio e il soggiorno,anche a favore dell'infortunato/tecnopatico non titolare di assegno per assistenza personale continuativa.
 
Per approfondire:
  • numero verde superabile 800.810.810.
  • dall'estero e da mobile al numero 06 455 39 607 (il costo della chiamata è legato al  piano tariffario del gestore utilizzato)
  • scrivi all'esperto: superabile@inail.it
si informa che il Contact Center integrato SuperAbile Inail risponde in lingua Italiana, Inglese, Spagnolo, Tedesco, Rumeno; Francese, Arabo, Cinese, Russo.


© Copyright SuperAbile Articolo liberamente riproducibile citando fonte e autore
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati