SuperAbile






In Interventi Inail


Inail indennizzi in capitale, aumento 40%, superata la differenza di genere.

dal 1 gennaio 2019 la nuova Tabella prevede indennizzi mediamente più alti di circa il 40% rispetto alle precedenti senza differenza di genere

10 giugno 2019

La Corte dei Conti ha registrato il decreto n. 45 del 23 aprile 2019 con cui il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, visto il parere del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha approvato su proposta dell’Inail la nuova tabella di indennizzo del danno biologico in capitale, che aumenta di circa il 40% gli importi erogati ai lavoratori vittime di un infortunio o di una malattia professionale per i quali sia stata accertata una menomazione dell’integrità psicofisica compresa tra il 6% e il 15%.
 





L’indennizzo in capitale per la menomazione dell’integrità psicofisica  è una  prestazione  economica  non  soggetta  a  tassazione  Irpef  riconosciuta  per  gli  infortuni verificatisi dal 25 luglio 2000 e per le malattie professionali denunciate dal 25 luglio 2000, per i quali è accertato un grado di menomazione dell’integrità psicofisica compreso tra il 6% ed il 15%.  La finalità è indennizzare la “lesione dell’integrità psicofisica suscettibile di accertamento medico legale della persona”
 
Per gli eventi accaduti sino al 31 dicembre 2018 la prestazione è erogata, secondo le “Tabelle indennizzo danno biologico in capitale” di cui al d.m. 12/07/2000, in una unica soluzione e in funzione di età, sesso e grado di menomazione accertato sulla base della ”Tabella delle menomazioni” prevista dal d.lgs. 38/2000
 
Dal 1° gennaio 2019, le prestazioni sono  erogate sulla base di un’unica “Tabella indennizzo danno biologico in capitale”  di cui alla Testo integrale della determina del Presidente n. 2 del 9 gennaio 2019, nella quale non c’è più distinzione di sesso
 
Gli importi dei nuovi indennizzi, in vigore dal  1° gennaio 2019, assorbono le  rivalutazioni straordinarie del danno biologico avvenute negli anni precedenti:
  • il  decreto interministeriale del 14 febbraio 2014, aveva  previsto, a decorrere dal 1° gennaio 2014, un ulteriore aumento in via straordinaria nella misura del 7,57%.
  • il d. interministeriale  del  27  marzo  2009  aveva disposto  a  decorrere  dal  1°  gennaio  2008  un aumento,  in  via  straordinaria,  nella  misura  dell'8,68%  degli  indennizzi  in  capitale  a  titolo  di rivalutazione  del  danno  biologico. 
  • il  d.m. 12  luglio  2000,  la prestazione era  stata erogata, secondo la “Tabella indennizzo danno biologico in capitale”  in  una  unica  soluzione e  in  funzione  dell’età,  del  genere  e  del  grado  di menomazione accertato sulla base della ”Tabella delle menomazioni” prevista dal d.lgs. 38/2000.
Pertanto,oltre a determinare un sensibile miglioramento del livello delle prestazioni economiche rispetto alle tabelle precedenti, risalenti al 2000 ed elaborate tenendo conto della gravità della menomazione, dell’età e del sesso,  la nuova tabella di indennizzo in capitale supera le differenze di genere, equiparando le prestazioni che spettano a uomini e donne, in linea con la giurisprudenza della Corte di Giustizia dell’Unione europea.


 Per approfondire:
 Il tipo di indennizzo erogato viene stabilito in base al grado di menomazione (v. Tabella menomazioni):
  • inferiore al 6% nessun indennizzo per danno biologico (franchigia),  nessun indennizzo per conseguenze patrimoniali;
  • dal 6% al 15% indennizzo del danno biologico in capitale (v. Tabella  indennizzo),  nessun indennizzo per conseguenze patrimoniali;
  • dal 16% al 100% indennizzo del danno biologico in rendita (v. Tabella  indennizzo),   indennizzo con ulteriore quota di rendita per conseguenze  patrimoniali (v. Tabella coefficienti).
Richiesta di aggravamento
Il decreto legislativo 23 febbraio 2000, n. 38 disciplina, all’art. 13, comma 4, l’aggravamento nei casi specifici di assicurati dichiarati guariti, con postumi inferiori al 6% e con postumi dal 6% al 15%.
In tali casi è ammessa la domanda di aggravamento che comporta, se riconosciuto, l’erogazione dell’indennizzo in capitale o, nel caso in cui l’aggravamento del danno riconosciuto sia superiore al 15%, l’erogazione della rendita. L’importo della rendita viene decurtato del precedente indennizzo in capitale. L’aggravamento può comportare l’adeguamento del precedente indennizzo in capitale, ma soltanto una volta.
 
Per ulteriori informazioni
  • numero verde superabile 800.810.810.
  • dall'estero e da mobile al numero 06 455 39 607 (il costo della chiamata è legato al  piano tariffario del gestore utilizzato)
  • scrivi all'esperto: superabile@inail.it
si informa che il Contact Center integrato SuperAbile Inail  è  anche multilingue


© Copyright SuperAbile Articolo liberamente riproducibile citando fonte e autore
 

di rosanna giovedi (scheda/foto)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati