SuperAbile






In Interventi Inail

Notizie


Mano robotica "Hannes", Poletti ringrazia Inail: “Entri nella costruzione di start-up”

Il ministro alla presentazione del dispositivo: "Adesso il passo ulteriore che dobbiamo fare è quello della produzione". La collaborazione tra IIT e Inail "ha un grande contenuto, scientifico e umano. Ora è importante rendere lo strumento disponibile concretamente a chi ne ha bisogno". Lucibello: “Un investimento importante, un ottimo risultato, presto a disposizione di tutti”

10 maggio 2018

ROMA – "Un orgoglio italiano e delle istituzioni pubbliche: Inail ha dimostrato di essere molto più che un'assicurazione, ma di fare un lavoro molto più articolato, avendo a che fare con situaizoni molto serie e a volte con vere tragedie”: è il ringraziamento che il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha rivolto oggi a Inail, in occasione della presentazione di 'Hannes', la mano protesica di derivazione robotica realizzata dal Centro protesi Inail insieme ai ricercatori dell'Istituto italiano di Tecnologia di Genova.
 
“Adesso il passo ulteriore che dobbiamo fare è quello della produzione – ha continuato Poletti - Noi abbiamo lavorato affinchè Inail possa entrare nella costruzione di nuove start-up che mettano in produzione e diffondano i risultati del lavoro di ricerca. Perchè è importante ottenere un brevetto e un risultato scientifico, ma lo è altrettanto rendere lo strumento disponibile concretamente a chi ne ha bisogno. Questo è un modo per assumersi la responsabilità di ciò che viene realizzato. La mano robotica è stata realizzata dalla collaborazione di due istituti pubblici- ha proseguito Poletti- da una parte l'IIT e dall'altra Inail. Si tratta di una collaborazione che ha un grande contenuto, scientifico e umano: aiuta infatti le persone a ricostruire una condizione di vita migliore, affermando l'idea che è giusto sostenere nel reddito le persone che hanno difficolta', ma tutti insieme bisogna lavorare per cambiarne la condizione". Secondo Poletti, infine, l'Italia è un Paese che "nella storia e anche oggi ha dimostrato di avere grandissime eccellenze, ma spesso non le teniamo in giusta considerazione. Eppure l'Italia è un Paese leder in molti campi. E questo, se vogliamo, è un'ulteriore conferma".
 
Per  Giuseppe Lucibello, “la filosofia è l'uomo al centro: il prodotto dev cogliere le esigenze del paziente, o sarà sepre un corpo estrneo. Questo si adatta perfettamente alle esigenze dell'uomo, permettendogli di recuperare il 90% della fuzionalità. E' stato un investimento considerevole, ma adesso si apre la strada della commercializzazione. La mano sarà infatti prodotta a partire dal 2019. E' il primo di una lunga serie di progetti di ricerca, che portiamo avanti con una rete di eccellenze che siamo orgogliosi di aver contribuito a far nascere”.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati