SuperAbile







Concorsi pubblici: titoli di preferenza e categorie degli aventi diritto

scrivi a: superabile@inail.it

domanda

Posso dichiarare nella domanda di partecipazione ai Concorsi Pubblici di poter usufruire del diritto di preferenza, se nel bando è specificato che è previsto per le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per servizio nel settore pubblico o private, avendo io perso mio fratello nel corso di una rapina, mentre esercitava la sua attività di commerciante a partita iva?
Se mi chiedono un riscontro per accertare il titolo di preferenza, che cosa eventualmente devo presentare?

risposta

20 luglio 2021

Gentile utente,

l’art. 5 comma 4 DPR n. 487/1994 prevede che, nei Concorsi Pubblici, a parità di merito, alcune categorie possono esercitare un diritto di preferenza.
Tra queste rientrano, al punto 15, i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per servizio nel settore pubblico o privato.
Non potendo entrare nel merito della sua specifica situazione, possiamo solo fornire informazioni di carattere generale.
Per dimostrare il diritto è necessaria un’attestazione in cui si certifichi che il decesso è avvenuto per causa di lavoro.
Se il lavoratore deceduto era un dipendente della Pubblica Amministrazione, è necessaria una dichiarazione dell’Amministrazione Pubblica presso la quale la persona prestava servizio, che attesti che il decesso è avvenuto per cause dipendenti dal servizio prestato.
INAIL tutela diverse categorie di lavoratori dipendenti e autonomi. Se il lavoratore deceduto operava nell’ambito del settore privato, è necessaria  una dichiarazione dell’INAIL attestante che il decesso è avvenuto per causa di lavoro. Ciò, naturalmente, nel caso in cui il lavoratore appartenga ad una categoria tutelata da INAIL e se l’evento è stato a suo tempo denunciato e riconosciuto come infortunio sul lavoro.  


Procedure per

Percorsi personalizzati