SuperAbile







Paesi virtuosi: c'è anche l'Italia



a cura di mschianchi

28 febbraio 2013

Se recentemente l'Italia è balzata alle cronache europee per altre ragioni, è necessario segnalare che c'è un caso in cui, per una volta tanto, l'Italia figura tra i paesi virtuosi. L'ultimo numero della rivista francese sulle disabilità "Declic" ha fatto un'inchiesta su "il meglio della disabilità all'estero", rispetto alla Francia. L'Italia è ampiamente raccontata tra gli esempi da seguire in fatto di inclusione scolastica. Si tratta di un modello (di cui qui conosciamo tanto le potenzialità quanto i limiti) che ci è sicuramente riconosciuto e invidiato.

Tra le altre realtà positive raccontate ci sono: il Belgio con diagnosi di disabilità veloci e particolarmente rispettose di persone e famiglie; i programmi personalizzati in Quebec; i servizi di sostegno alle famiglie coinvolte dalla disabilità in Svezia e Germania.

Parte dell'approfondimento insiste sulla necessità, e la possibilità per le casse degli stati occidentali, di sostenere finanziariamente progetti e politiche legati alla disabilità. Dove per voci di spesa si intendono: servizi, prestazioni, programmi personalizzati. Solo leggendo le pagine di questo dossier, i neo-eletti scoprirebbero che quelle cose (come l'inclusione scolastica in Italia) sono concretamente possibili, a patto di farle diventare progetti di intervento. Non sono solo le istanze che, anche qui da noi, le punte più avanzate del movimento associativo sostengono da tempo e facilmente bollate come "chimeriche" o come "motivi di costo".

Commenti

torna su

Stai commentando come

  • matteo schianchi
    marina, sulle difficoltà del nostro stato sociale in fatto di disabilità non ho alcun dubbio. Quell'articolo insiste semplicemente su forme legislative che in altri paesi non esistono ancora o a malapena, mentre in Italia sono in vigore da tempo. Qua

  • anonimo
    Cara Marina, quanto hai ragione....

  • ,marina cometto
    ma non scherziamo, non è sufficiente aver fatto una legge, la 104/92 che tratta anche l'integrazione scolastica per dire che siamo un esempio da seguire, beh, sulla carta tutto sembra bello e funzionante, ma in realtà poi , bisognerebbe scriverlo a

  • Michela
    Interessante, dove si può trovare questa rivista?

  • Giuseppe
    ma infatti il problema non è quello dei costi (o almeno, non è solo quello). Il problema è avere fra quanti decidono le politiche da attuare persone che siano capaci di comprendere quali interventi vanno favoriti e quali vanno combattuti. O siccome n

  • matteo schianchi
    grazie



Procedure per

Percorsi personalizzati