SuperAbile







Un docente al posto giusto

19 ottobre 2018

La scuola inclusiva è un grande motivo di orgoglio per l'Italia, ma nel concreto poi le difficoltà quotidiane, oltre i grandi principi, sono sotto gli occhi di tutti. Ed è per questo che molto spesso sono i tribunali ad essere chiamati a giudicare. Come accaduto nei giorni scorsi con la storica sentenza del Consiglio di Stato, che conferma due precedenti sentenze del Tar di Catanzaro, chiamando il Miur ad assegnare un docente specializzato a una studentessa cieca. E' stato rigettato il ricorso in appello del ministero, che denunciava l'impossibilità di reperire docenti che conoscano il Braille.
 
Non è un caso da poco. La specializzazione del docente, che deve avere gli strumenti per accompagnare lo studente o l'alunno, è centrale nel compito di inclusione che la scuola deve avere. Una scuola che combatte con mille difficoltà, che va avanti con problemi considerevoli, che nonostante le immissioni in ruolo degli ultimi anni continua a vivere una situazione di incertezza. Il pronunciamento del Consiglio di Stato, che mette al primo posto il diritto dello studente con disabilità, e in secondo piano le difficoltà del Ministero, rimettono ordine fra le priorità. Ci vorrà tempo per migliorare davvero, ma la strada della specializzazione è quella maestra, e anche al Ministero dell'Istruzione lo sanno da tempo.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati