SuperAbile







Giuro di essere italiano

15 dicembre 2017

Potrebbe sembrare una notizia di poco conto, ma come tutte quelle che parlano di disabilità e di discriminazione, anche questa contribuisce a mettere un mattone nella costruzione di una società pienamente inclusiva. La sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 10 della legge n. 91/1992, sulla cittadinanza nella parte in cui “non esonerano dal giuramento la persona che risulti incapace di soddisfare tale adempimento in ragione di una grave e accertata condizione di disabilità”, è un punto fermo importante. Naturalmente per i diretti interessati, ma non solo.
 
L’attuale legge sulla cittadinanza prevede che la persona che acquisisce la cittadinanza italiana debba prestare giuramento. Non definisce i modi specifici, ma tale giuramento deve esserci. Si è discusso già a lungo in passato sulle modalità concrete di tale giuramento, specialmente quando il soggetto interessato è una persona con una disabilità tale da rendere dubbio l’assolvimento di questo obbligo di legge. Agli onori delle cronache c’erano stati casi di ragazzi con disabilità intellettiva per i quali era stato espresso un dubbio sulla loro capacità di effettuare il giuramento con piena consapevolezza. Ora la pronuncia della Corte mette fine alla discussione e sancisce che la disabilità, laddove ciò lo renda necessario, può costituire causa di esonero dall’obbligo di legge. E’ il riconoscimento di una condizione specifica, da cui derivano dunque conseguenze di legge.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati