SuperAbile







Fondo si, fondo no

21 marzo 2017

Aumenta il fondo. No, il fondo diminuisce. No, nient’affatto, aumenta di nuovo. C’è davvero poco di avvincente in questi continui alti e bassi sull’entità delle risorse stanziate per il Fondo politiche sociali e il Fondo non autosufficienza. Sono anni che le organizzazioni delle persone con disabilità si battono per veder crescere i finanziamenti disponibili, anni di manifestazioni, proteste, richieste, appelli. Anni di progressivi aumenti, questi ultimi, che però non cancellano una realtà: che continuano ad essere percepiti come non essenziali, non dovuti. Se ci sono bene, bravi, bis. Se non ci sono, è colpa della crisi, della coperta troppo corta, dei vincoli di bilancio.
 
E’ qualcosa che caratterizza l’intero panorama politico nazionale e locale. Quando le regioni hanno dovuto far fronte ad un impegno di bilancio con lo Stato, la loro prima idea è stata proprio quella di andare a toccare quei fondi di carattere sociale. Potevano rinunciare ad altro (e forse lo faranno ora, dopo le proteste), ma hanno scelto di tagliare quei fondi. Scelta anche poco lungimirante, visto che le proteste erano più che prevedibili. E così, a distanza di anni, ancora bisogna mettere in evidenza che le poche risorse stanziate per il sociale sono fondamentali in un paese in cui quel genere di finanziamento è cronicamente sottostimato.
 

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati