SuperAbile







La vittoria di Pirro

26 gennaio 2017

La buona notizia è che finalmente ci siamo arrivati. Dopo per anni e anni si alza la richiesta di un aggiornamento dei Livelli essenziali di essenziali, ivi compreso il nomenclatore tariffario delle protesi e degli ausili, e per anni e anni la risposta della politica è un silenzio assordante e impotente, quando finalmente arriva si arriva a conclusione non puoi che pensare che sia una buona notizia. A maggior ragione se nel frattempo, attendi qua attendi là, sono passati praticamente quindici anni. Che non sono mica due giorni. Evviva dunque l’approvazione del decreto sui nuovi Lea, evviva che ci siamo arrivati, evviva che finalmente la cosa è fatta e l’entrata in vigore è solo questione di giorni.

Poi c’è la cattiva notizia dentro la buona notizia. E la cattiva notizia praticamente è che i nuovi Lea nascono già vecchi. Come abbiamo visto, le principali associazioni che si occupano di disabilità sottolineano il fatto che ci sia davvero poco da festeggiare: per la Fish il testo approvato è “obsoleto”; per Anffas e Aipd contiene enormi lacune specialmente per la disabilità intellettiva. La fondazione Promozione sociale paventa addirittura un possibile “peggioramento” per le persone non autosufficienti. E sono solo alcune voci, delle numerose che si sono levate.

Che si sia arrivati ai nuovi Lea insomma è una vittoria. Ma è una vittoria di Pirro.
 

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati