SuperAbile






In Normativa e Diritti


Iva al 4% persone con patente speciale con ridotte o impedite capacità motorie

I titolari di patente speciale, con ridotte o impedite capacità motorie, hanno l’obbligo di utilizzare particolari dispositivi di guida per veicoli a cui siano state apportate le modifiche.

10 febbraio 2020

DEFINIZIONE

Titolari di patente speciale, con ridotte o impedite capacità motorie con l'obbligo di utilizzare particolari dispositivi di guida per veicoli a cui siano state apportate le modifiche. Tra i veicoli adattati alla guida sono compresi anche quelli dotati di solo cambio automatico o frizione automatica, purché prescritto dalla Commissione Medica Locale.

COSA

Viene applicata un'aliquota IVA del 4% per l'acquisto o in leasing di veicoli:
nuovi o usati (autovetture, autoveicoli per trasporto promiscuo, autoveicoli per trasporti specifici, motocarrozzette a tre ruote, motoveicoli per trasporto promiscuo o per trasporti specifici. Non gli autocaravan);
limitazioni di cilindrata: 2.000 centimetri cubici se con motore a benzina o ibrido, 2.800 centimetri cubici se con motore diesel o ibrido e di potenza non superiore a 150 kW se con motore elettrico (Legge 19 dicembre 2019 n. 157 art. 53 bis);
per un solo veicolo nel corso di 4 anni (a meno che il primo veicolo beneficiato non risulti cancellato dal PRA).

In caso di furto del veicolo acquistato con le agevolazioni fiscali, è possibile beneficiare dell'IVA al 4% per l'acquisto di un nuovo veicolo anche prima dello scadere dei quattro anni.

L'IVA agevolata deve essere applicata anche alle prestazioni rese da officine per l'adattamento del veicolo, anche usato, e alle cessioni di strumenti e accessori montati sui veicoli.

Occorre un'autodichiarazione dalla quale risulti che si tratta di invalidità comportante ridotte o impedite capacità motorie permanenti e, se necessario, che la persona con disabilità è fiscalmente a carico.

COME

Chi acquista un veicolo deve consegnare al venditore:
copia della patente speciale, o richiesta avanzata per l'ottenimento della stessa, la quale dovrà essere conseguita entro un anno dalla data dell'acquisto, pena la decadenza dal beneficio;
copia della certificazione di handicap o di invalidità rilasciata da una Commissione pubblica deputata all'accertamento di tali condizioni. In essa deve essere esplicitamente indicata la natura motoria della disabilità;
dichiarazione sostitutiva di atto notorio (autocertificazione) attestante che nel quadriennio precedente non si è beneficiato dall'applicazione dell'IVA agevolata o la denuncia di furto del veicolo e la registrazione della "perdita di possesso" effettuata dal PRA;
nel caso in cui sia il familiare ad acquistare il mezzo, documento attestante che la persona con disabilità è fiscalmente a carico (fotocopia dell'ultima dichiarazione dei redditi) o autocertificazione.

Riguardo alle certificazioni, l'art. 4 del Decreto Legge 9 febbraio 2012 n. 5, ha introdotto importanti semplificazioni. In particolare è stato previsto che i verbali di accertamento dell'invalidità delle commissioni mediche devono riportare anche la sussistenza dei requisiti sanitari necessari per poter richiedere le agevolazioni fiscali relative ai veicoli.

INTESTAZIONE

Se la persona con disabilità è titolare di redditi propri il documento deve essere a lui intestato, se, invece, è fiscalmente a carico, può essere indifferentemente intestato alla persona con disabilità o al familiare della quale egli risulti a carico. Una persona è fiscalmente a carico di un suo familiare quando possiede un reddito annuo non superiore a 2.840,51 euro o a 4.000 euro, dal primo di gennaio 2019, per i figli di età non superiore a 24 anni. Non costituiscono reddito le pensioni sociali, le indennità (comprese quelle di accompagnamento), le pensioni e gli assegni erogati ai ciechi civili, ai sordi e agli invalidi civili.

Riferimenti normativi

"Le agevolazioni fiscali per le persone con disabilità" 2019
(Pubblicata sul sito dell'Agenzia delle Entrate la nuova guida aggiornata a ottobre 2019);
Interpello Agenzia delle Entrate del 20 dicembre 2019 n. 533 (Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - agevolazioni fiscali previste dall'articolo 30, comma 7, della legge 23 dicembre 2000, n. 388 - documentazione con validità retroattiva);
Legge 19 dicembre 2019 n. 157 art. 53 bis (Conversione in legge, con modificazioni, del Decreto-Legge 26 ottobre 2019, n. 124, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili);
Circolare Agenzia delle Entrate del 24 aprile 2015 n. 17/E; (punto 4.8)
Circolare dell'Agenzia delle Entrate del 21 maggio 2014 n. 11/E; (punto 7.5)
Risoluzione Agenzia delle Entrate del 20 giugno 2012 n. 66/E; (contratto di leasing)
Circolare dell'Agenzia delle Entrate 1 giugno 2012 n. 19/E; (3.2 Esportazione all'estero del veicolo)
Decreto Legge 9 febbraio 2012 n. 5 (conv. Legge 4 aprile 2012 n. 35 in particolare art. 4 commi 1 e 2 "Semplificazioni in materia di documentazione per le persone con disabilità");
Circolare dell'Agenzia delle Entrate 13 maggio 2011 n. 20/E; (4.1 Riconoscimento dell'handicap attraverso il verbale per l'accertamento dell'invalidità civile; 4.3 Acquisto di autovetture da parte di persone con disabilità all'estero)
Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate 28 maggio 2009 n. 136/E; (vendita auto della persona con disabilità deceduta)
Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate 17 gennaio 2007 n. 4; (intestazione)
Legge 27 dicembre 2006 n. 296; (art. 1 comma 36 autoveicoli utilizzati in via esclusiva o prevalente a beneficio delle persone con disabilità; comma 37 vendita del veicolo prima dei due anni dall'acquisto)
Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate 8 agosto 2005 n. 117/E; (IVA agevolata anche agli accessori venduti unitamente al veicolo)
Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate 17 settembre 2002 n. 306/E (Agevolazioni fiscali per le spese di riparazione dei veicoli adibiti al trasporto di persone disabili);
Circolare dell'Agenzia delle Entrate 14 giugno 2001 n. 55; (punto 1.2.2 limiti temporali)
Circolare del Ministero delle Finanze dell'11 maggio 2001 n. 46; (ulteriori chiarimenti in materia di agevolazioni auto per persone con disabilità)
Circolare del Ministero delle Finanze del 3 gennaio 2001 n. 1; (punto 2.3.5 ulteriori chiarimenti)
Legge 21 novembre 2000 n. 342; (art. 50)
Circolare del Ministero delle Finanze del 16 novembre 2000 n. 207; (2.1.10 Agevolazioni per i disabili)
Circolare del Ministero delle Finanze 12 aprile 2000 n. 74; (Ulteriori chiarimenti in merito alle agevolazioni in materia di IVA)
Circolare del Ministero delle Finanze del 31 luglio 1998 n. 197/E; (Veicoli adattati)
Legge del 27 dicembre 1997 n. 449; (art. 8)
Decreto del Ministero delle Finanze del 16 maggio 1986; (Veicoli adattati con patente speciale)
Legge del 9 aprile 1986 n. 97; (IVA Veicoli)
Decreto del Presidente della Repubblica del 26 ottobre 1972 n. 633 (tabella A parte II punti 31 e 33).

di Antonello Giovarruscio

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati